LOADING

Type to search

Esclusiva, 3×3 FISB: le parole del presidente David Restelli per la stagione 2016

Share

Abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro battute con David Restelli, responsabile nazionale FISB – Free Italian Streetball, braccio destro della FIP a seguito della sempre più crescente ambizione e riconoscimento in ambito nazionale ed internazionale del 3 contro 3, già presente agli ultimi giochi di Baku. 

Secondo anno di collaborazione e convivenza con FIP per FISB, a cui è chiesto di rendere fertile il panorama dello streetball italiano al fine di garantire partecipazione, eventi e giocatori all'altezza del panorama internazionale e ballers pronti agli appuntamenti, vicini e lontani, che si prospettano. 

La collaborazione con FIP ha dato struttura e dignità allo streetball italiano, contribuendo in maniera sensibile ad aumentarne rilevanza e visibilità. Il movimento, già capillarmente diffuso a livello regionale, ha così assunto carattere nazionale e catalizzato l'interesse di un numero crescente di giocatori, attirati non più soltanto dalla passione per lo streetbasket ma anche dal sogno di vestire la maglia azzurra!

A che punto è il 3×3 in Italia, e se possibile, dove si può ancora migliorare?

 Più sono i giocatori registrati sul ranking FIBA, migliore è la posizione della nostra nazione nel ranking mondiale, maggiori le possibilità di partecipare alle competizioni internazionali. In tal senso è stato cruciale l'exploit numerico della scorsa stagione, che ha visto arrivare a 3300 i ballers iscritti al ranking, grazie alla sinergia tra lo Streetball Italian Tour, i Tornei Gold e qualche volenterosissimo torneo SILVER del circuito FISB.

Il 2015 è stato anche l'anno dei primi raduni delle Nazionali 3×3 della storia: una soddisfazione personale immensa, oltre che un'iniezione di energia e credibilità a tutto il movimento, che rende percorribile la strada dal campetto…alla Nazionale!

Il basket e lo Streetball collaborano a livello federale da circa 14 mesi, e proprio a dicembre 2015 c'è stato un incontro a Bologna per pianificare la stagione che verrà. Cosa ci si deve e cosa ci si può aspettare nel breve periodo dallo Streetball tricolore? Quale sarà il panorama del 3×3 tra un anno? E negli anni a venire?  

Sulla scia di questi ottimi risultati, l'obiettivo attuale è quello di incrementare la base di tornei affiliati a FISB, che svolgono un ruolo fondamentale a livello locale nel promuovere e tenere vivo il 3×3 e senza i quali non ci sarebbe possibilità di crescita futura. Soltanto così può nascere e consolidarsi una vera e propria cultura streetball, che potrebbe portare (come auspichiamo) alla nascita dello  streetballer professionista, già presente all'estero. In questo modo, forse, potremmo competere con le altre Nazioni e poter dire la nostra, senza limitarci a partecipare.