LOADING

Type to search

US Recanati: arriva Leonardo Marini

Luigi Liguori 23 Luglio 2016
Share


L’US Basket Recanati comunica l’accordo valido per la stagione 2016/2017 con il giocatore Leonardo Marini, ala-centro, classe 1995, 205 cm, reduce dalla sua seconda stagione in A2 disputata con la maglia della Mens Sana Siena.

Nato a Padova il 15 settembre 1995, figlio d’arte (suo padre ha un passato da giocatore in A e B ed è tutt’ora in attività con una squadra amatoriale della città), Marini ha fatto il percorso delle giovanili con il Petrarca Padova dove è rimasto fino alla stagione 2011/2012 sdoppiandosi tra la prima squadra, impegnata nel campionato di Serie C Regionale, e quella Under 17. Talento e futuribilità, doti che non passano inosservate dal Settore Squadre Nazionali che lo convoca nella selezione azzurra Under 16 per l’Europeo del 2011 in Repubblica Ceca. Completa il proprio percorso under alla Mens Sana Siena. Nella prima annata in Toscana gioca nell’Under 19 Eccellenza mensanina (12,6 punti e 10 rimbalzi di media) che arriva fino al terzo posto nella Finale Nazionale di Udine. Parallelamente Marini matura un’esperienza al Costone Siena in DNB con la formula del doppio tesseramento (4,6 punti con la maglia gialloverde senese). Nella stagione 2013/2014 arriva ai margini della prima squadra della Mens Sana (anche 2 presenze in Serie A) e completa il suo cammino nelle giovanili giocando ancora una buona stagione nella formazione Under 19 che partecipa al torneo di Eccellenza arrivando fino alla Finale Nazionale giocata ancora a Udine. Nell’estate del 2014 arriva la chiamata della Nazionale Under 20 che disputa il campionato Europeo di categoria a Creta. Dopo la positiva esperienza in Azzurro (7 presenze, medie di 1.7 punti e 0.6 rimbalzi in 7 minuti di utilizzo nell’Italia di Sacripanti che chiude al 10°posto) arriva la firma con la Pallacanestro Trieste con la quale Marini gioca il suo primo campionato in Serie A2 Gold (5,2 punti, 2,1 rimbalzi). Nell’ultima stagione il ritorno alla Mens Sana dove fa parte del gruppo che chiude al 5°posto la regular season del girone Ovest di A2 e viene eliminata nei playoff da Imola. Per Marini 1.5 punti di media con il season high fatto registrare nella vittoria interna contro Biella (8 punti).

Per il lungo padovano la firma con Recanati può rappresentare proprio l’occasione giusta per affermarsi all’interno del campionato di A2. “Recanati mi ha sempre fatto una buona impressione – dice il neo gialloblu – a livello di piazza cestistica avendola affrontata da avversario negli anni scorsi. Come città non la conosco ancora ma tutti mi hanno detto che è molto bella e vivibile. Ho già avuto modo di parlare con coach Calvani e le sue parole mi hanno favorevolmente colpito sia per il progetto che riveste su di me sia su quello che coinvolge la squadra. La Società è solida e con una tradizione in questa categoria già importante alle spalle. Ci sono quindi tutti i presupposti quindi per fare bene in una stagione dove giocheremo contro avversari forti e in un girone tosto. La squadra che si sta costruendo è competitiva e tutti insieme cercheremo di fare il meglio possibile.“

Fonte: Ufficio Stampa US Recanati Basket

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1