LOADING

Type to search

Treviso è una “schiacciasassi” e rifila trenta punti a Chieti

Share

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – PROGER CHIETI 84–50

DE’ LONGHI: Fantinelli 8 (1/1, 2/2), Abbott 7 (2/4, 1/2), Fabi 13 (2/4, 3/5), Powell 10 (3/5, 1/3), Ancellotti 12 (5/6 da 2); Moretti 6 (1/5, 0/4), De Zardo 3 (1/1 da 2), Malbasa 7 (3/4 da 2), Busetto 0 (0/1 da 3), Rinaldi 12 (3/7, 2/2), Negri 6 (2/4 da 2). All.: Pillastrini

PROGER: Monaldi 8 (0/5, 2/6), Lilov 15 (6/13, 1/6), Sergio 9 (1/2, 0/4), Armwood 8 (2/6, 0/3), Vedovato 6 3(5/ da 2); Piazza 2 (1/2,0 1/), Piccoli 2 (1/2, 0/1). NE: Allegretti, Marchetti, Sipala, De Martino. All.: Galli

ARBITRI: Galasso, Solfanelli, Sansone

NOTE: pq 15-9, sq 39-20, tq 67-30. Tiri liberi: De’ Longhi 11/16, Proger 13/23. Rimbalzi: De’ Longhi 11+39 (Ancellotti 3+13), Proger 6+18 (Armwood 1+8). Assist: De’ Longhi 25 (Fantinelli 7), Proger 6 (Armwood 3). Usc. 5 falli: nessuno. Spettatori: 5022.

Treviso impone tutta la sua forza di capolista e doma una squadra ostica come Chieti, capace finora di vincere per quattro volte in trasferta. Era la partita degli ex, Abbott e Ancellotti da una parte e Vedovato dall’altra, ma TVB non ha concesso alcuna possibilità agli avversari, giocando un match ad altissima intensità, soprattutto difensiva, e dominando i due quarti centrali (24-11 e 28-10 i parziali).

LA CRONACA

È Ty Abbott a sbloccare il punteggio con un morbido jumper dai sei metri, poi Fabi e Fantinelli cominciano a regalare spettacolo con un bellissimo gioco a due. La difesa alza le barricate e quando Ancellotti fa due su due ai liberi è già 6-0 dopo due minuti e mezzo di gioco. Galli sceglie la difesa a zona per togliere brio all’attacco trevigiano, e la scelta paga i suoi dividendi quando la difesa è schierata. In attacco però, a parte la tripla di Monaldi, Chieti è ben poca cosa, con cinque punti a bersaglio in altrettanti minuti. E cinque sono i punti consecutivi di capitan Fabi, che con i suoi bengala dalla distanza infiamma il Palaverde. Entrano prima Negri e Rinaldi, poi Moretti, ma il punteggio si congela sul 13-7 per tre minuti, fino al fallo subito da Negri sul tentativo da tre punti. L’esterno bolognese ne mette due, poi gli risponde Piccoli con un canestro da due con cui termina il primo quarto di gioco.

La seconda frazione si apre nel segno delle due torri trevigiane, Rinaldi e Ancellotti: sono loro i quattro punti consecutivi con cui TVB tocca per la prima volta la doppia cifra di vantaggio (19-9). E, dopo il tiro libero di Armwood, sono ancora i lunghi di casa, con un canestro a testa, a dilatare sempre più il divario. E quando capitan Fabi trova la sua seconda tripla (già 10 punti al 15’) per gli abruzzesi sono dolori, che diventano sempre più allarmanti dopo il bis di Powell. La Proger continua con il suo ritmo da un punto al minuto in attacco, mentre in difesa soffre la migliore circolazione di palla del quintetto trevigiano e soprattutto la verve dei lunghi, di caratura decisamente superiore. Gira tutto perfettamente a Treviso: al festival della tripla si iscrive anche Fantinelli, il tabellone dice 36-19. Un libero di Sergio da una parte e soprattutto la bomba di Fabi dall’altra chiudono il secondo quarto sul 39-20 per TVB, con il risultato finale che sembra già ipotecato, in virtù soprattutto di una netta supremazia a rimbalzo (28-13, 11 solo per Ancellotti).

Si potrebbe pensare ad un calo fisiologico nella ripresa, ma non è così: Fantinelli riprende il bombardamento dalla distanza, Powell e Ancellotti aggiungono altri tre punti e in un amen è 45-20 per Treviso. La partita inizia a scivolare via senza particolari sussulti, con i padroni di casa che ritoccano progressivamente il massimo vantaggio fino al +37 del 30’. L’ultimo quarto è una passerella, c’è spazio anche per Busetto e De Zardo in un quintetto “verde” assieme a Malbasa e Moretti, con l’unica eccezione di Tommy Rinaldi, e allora lo spettacolo è tutto per gli oltre cinquemila del Palaverde, che anche questa domenica sono venuti a sostenere i propri beniamini. Ci sono cori per tutti e anche una spettacolare “ola”. TVB è ora attesa dalla trasferta di Legnano, mentre il prossimo appuntamento casalingo sarà il derby contro Verona. Intanto continua il testa a testa con Mantova: il finale di stagione si preannuncia rovente.

Fonte: Ufficio Stampa Treviso Basket