LOADING

Type to search

Treviglio si aggiudica Andrea Pecchia

Luigi Liguori 13 Luglio 2016
Share

Andrea Pecchia, classe 1997 di proprietà dell’Olimpia Milano, è stato ingaggiato dalla Blu Basket come under: lguardia-alasegratese, cresciuto nella Pol. San Donato Meta 2000 prima del passaggio nel 2011 alle scarpette rosse, é considerato uno dei migliori prospetti italiani.

Nel suo curriculum numerose presenze di spessore alle Finali Nazionali (Desio, Udine, Torino) e decine di convocazioni con le varie Nazionali Italiane di categoria: dai tempi dell’under 17 ( Mondiali a Dubai) é addirittura stato nominato Capitano.

In campo é considerato un guerrieroottimo utilizzo dei fondamentali, tanta energia messa in campo, poderoso in fase difensiva, in netto miglioramento anche nel pitturato dove si prende sempre più responsabilità.

Nel 2013/14 è impegnato contemporaneamente su tre fronti:  Under 17, under 19 e Serie C con la Boffalorese Basket: alle finali nazionali é inserito nel miglior quintetto della manifestazione. 

L’estate 2014 inizia con la presenza al Basketball Without Borders di Roma e la nomina di capitano per la spedizione di coach Capobianco ai Mondiali U17 negli Emirati Arabi.

Nella stagione 2014/2015, la sua squadra conquista il primo posto nel Girone A DNG, con il Boffalora segna 12,6 punti di media in 21 gare di campionato disputate e coach Banchi lo convoca più volte in prima squadra.

Con l’under Andrea prende parte all’Adidas Next Generation Tournament di Roma dove firma 16,8 punti, 4,5 rimbalzi, 3,5 palle recuperate e 7,8 falli subiti a partita. Alle Finali Nazionali di Torino, la spedizione si chiude ai quarti contro i Campioni d’Italia di Casalpusterlengo: per Pecchia 13 punti, 8,3 rimbalzi e 2,5 palloni recuperati a partita con un 19 di media di valutazione.

Disputa gli Europei Under 16 a Kiev e i Mondiali Under 17 da Capitano a Dubai  dove è il migliore per palle recuperate, plus/minus ed efficienza tra azzurri, a dimostrazione del suo utilizzo fondamentale come giocatore di sostanza a tutto campo.

Nell’ultima stagione, in doppio tesseramento, disputa il campionato di Serie C col Bernareggio dove conclude con 331 punti, 12,3 di media. Nel dicembre 2015 esordisce al Mediolanum Forum nella gara vinta dall’AJ contro Capo d’Orlando davanti a 10.000 tifosi, giocando anche alcuni minuti nella vittoriosa finale scudetto AJ – Grissin Bon.

La dote che più ho apprezzato in Andrea – afferma coach Adriano Vertemati – è la sua leadership positiva in campo e la sua capacità di fare le cose utili per la squadra. Ha un bagaglio tecnico completo e può giocare sia in guardia che in ala piccola , ma all’occorrenza può giocare anche da play. In difesa è generoso e sempre attento. Sono molto contento anche dell’entusiasmo che ha dimostrato quando gli si è presentata l’occasione di venire a Treviglio. Sono certo porterà un prezioso contributo alla nostra squadra. “

SCHEDA

NOME E COGNOME: ANDREA PECCHIA 

NATO IL: 16 Novembre 1997

NATO A: Segrate (MI)

RUOLO: guardia/ala

ALTEZZA: 196

SQUADRA PROVENIENZA: EA7 MILANO

Fonte: Ufficio Stampa Blu Basket Treviglio

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1