LOADING

Type to search

Scaligera, preso anche Giovanni Pini

Luigi Liguori 26 Luglio 2016
Share

La Scaligera Basket Verona comunica di aver ingaggiato Giovanni Pini, ala-centro di due metri, nella scorsa stagione con la Scandone Avellino dove ha giocato la semifinale-scudetto. In Serie A con la maglia di Reggio Emilia nei precedenti due campionati ha vinto l’EuroChallenge del 2014 arrivando in campionato ai quarti e l’anno scorso in finale perdendo gara-7 con la Dinamo Sassari, Pini viene da un’annata ad Avellino da 9.9 minuti, 1.5 punti e 2 rimbalzi con un massimo di 19 minuti giocati in gara-4 della semifinale con Reggio Emilia, di 7 punti in gara-1 della stessa serie in cui ha ottenuto anche 7 rimbalzi in gara-4 e gara-5. Emiliano nativo di Carpi, 24 anni compiuti il 25 luglio, Pini nelle tre annate di Serie A ha avuto una media assoluta di 7.4 minuti ed 1.7 punti. Cresciuto nella Nazareno Basket di Carpi, Pini è poi passato al settore giovanile di Reggio Emilia esordendo in Legadue nella stagione 2010-2011 contro Casale Monferrato prima di passare in prestito alla Biancoblu Bologna, disputando 28 gare. Quindi il ritorno alla Pallacanestro Reggiana. Pini è stato nel giro delle varie nazionali giovanili fra Under 16 ed Under 18, fino alla convocazione per l’All Star Game del 2014. «Giovanni – sottolinea Daniele Della Fiori, direttore sportivo della Scaligera Basket – è un giocatore che porta mentalità e voglia di vincere. Un lungo dinamico, solido difensivamente, in grado di giostrare nel ruolo di 4 e di 5. Siamo soddisfatti, perché Pini è uno di quegli elementi che aiutano la squadra a vincere con tante piccole cose. Può essere il leader silenzioso di questa Scaligera».

Fonte: Uffiicio Stampa Scaligera Basket

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1