LOADING

Type to search

Rieti sconfitta amara contro l’Assigeco

Share

24 Gennaio 2016 – Rieti perde nella trasferta di Casalpusterlengo per 79-77, mantenendo contro la rivale diretta la differenza canestri a proprio favore.

Partono subito forte i padroni di casa che già a metà primo periodo contano 9 punti di vantaggio (14-5), coach Nunzi chiama time out, ma non riesce a invertire l’inerzia e la frazione termina 23-13.

Il secondo periodo comincia con una tripla di Parente, ma di fatto la gara continua sulla linea tracciata in precedenza. Casalpusterlengo gestisce i 10 punti di vantaggio fino al 30-20 a 6:18. Poi, con Mortellaro e Benedusi, Rieti riesce ad accorciare un po’ le distanze (30-24), ma viene fischiato un tecnico a capitan Feliciangeli, per proteste su un fallo non sanzionato e Jackson segna un libero (31-24). Rieti continua ad attaccare. Longobardi realizza due liberi (31-26 a 4:40), Parente infila una bomba (10 punti per lui fin qui) e Rieti resta in scia (33-29). Chiumenti e Poletti riallungano un po’ le distanze, ma due liberi di Pepper mantengono la NPC attaccata (36-31). Un tiro dal campo di Vencato ed alcuni liberi dalla lunetta permettono all’Assigeco di ritornare a +8, quando un canestro in sospensione di Buckles consente ai reatini di andare al riposo negli spogliatoi sul 39-33.

Al rientro in campo il punteggio si tiene in equilibrio per pochi minuti, finchè l’Assigeco prende il volo fino al +16 (54-38) e la frazione termina 64-51.

Inizia l’ultimo periodo e capitan Feliciangeli realizza la tripla che porta l’NPC 10 punti sotto. E’ l’inizio della rimonta per Rieti che anche grazie a Parente riesce a tornare a – 7 (69-62 a 5:01). Si procede punto a punto, la NPC arriva al -5 con due liberi di Mortellaro (71-66 a 3:40) ed è ancora a – 5 ad un minuto dal termine (75-70). In questi ultimi 60 secondi si produce moltissimo: Jackson segna quattro punti (29 in tutto per l’mvp dell’incontro), Parente realizza 5 punti e Pepper 2 dalla lunetta.

Rieti perde 79-77, ma riesce a mantenere la differenza canestri a proprio favore.

Tabellini. Rieti. Buckles 13, Mortellaro 20 (9/9 da due punti, 2/2 ai liberi e 9 rimbalzi), Benedusi 5, Parente 18, Pepper 10, Hidalgo 1, Feliciangeli 5, Longobardi 5, Ponziani 5, Auletta n.e. All. Nunzi. Ass. Rossi e Matteucci Casalpusterlengo. Poletti 12, Fultz 6, Sandri 2, Austin 19, Jackson 29, Chiumenti 10, Rota ne, Vencato, Bordato ne, Dincic ne, Donzelli, Rosselli. All. Finelli. Ass. Bonacina, Sabbia.

Fonte: Ufficio Stampa NPC Rieti

Porta bene la Sicilia all'Angelico Biella, oggi in campo a Barcellona Pozzo di Gotto e alla ricerca del quarto successo consecutivo in campionato. I rossoblù entrano bene in partita sul campo de La Briosa, fanalino di coda del girone ovest, e tengono per continuità lungo tutto l'arco dell'incontro. All'ultima sirena, il tabellone del PalAlberti indica 64-77. I rossoblù riscattano così il ko dell'andata subìto al Biella Forum e si avvicinano alle zone più nobili della classifica. Otto i giocatori di coach Carrea a punti questa sera, in crescita il “pacchetto italiani”.

Primo quarto. Alla palla a due, Barcellona si schiera sul parquet con Centanni, Fallucca, Loubeau, Smith e Migliori; Biella risponde con Hall, Ferguson, Infante, Venuto e De Vico. Avviato il motore, l'Angelico ingrana la quinta: tripla di Niccolò De Vico e canestro in penetrazione di Marco Venuto. Per La Briosa smuove la retina Loubeau; il pivot americano apre così una lunga parentesi di sostanziale equilibrio. De Vico colleziona bombe e punti (9 per lui dopo pochi minuti di gioco) e insieme a Hall e capitan Infante porta i rossoblù sul 15-9. Time out per i padroni di casa. Al rientro Barcellona scrive un break di 7 punti, “macchiato” solo da una parabola vincente di Jazzmarr Ferguson. La squadra di coach Bartocci è nel suo momento migliore e si porta a un possesso di svantaggio (15-18, poi 16-18 sfruttando un tiro supplementare in lunetta con Loubeau). Sul finale del quarto, Barcellona accorcia ancora grazie a tre liberi concessi a Smith: 19-20.

Secondo quarto. Apre Corrado Bianconi ma è Biella ad allungare con La Torre (tripla), Hall e Banti: 7-0 per i rossoblù, 27-21. Al rientro dal secondo time out della serata, Ferguson dalla media e Banti di potenza non sbagliano un colpo e trascinano i lanieri oltre quota 30 punti; Barcellona incassa e prova ad arginare la nuova avanzata biellese con Lenzelle Smith. Sul finale del periodo, i lanieri escono di prepotenza: Hall in penetrazione, Ferguson dice la sua e, cigliegina sulla torta, Venuto allo scadere fa centro da tre: 32-41 all'intervallo lungo.

Terzo quarto. È capitan Infante il grande protagonista con 5 punti nella prima metà della frazione. In avvio, invece, Mike Hall, frenato poi da quattro punti dei giallorossi (Migliori dal pitturato e Centanni dalla linea del tiro libero). Sul 39-45 arriva poi il punto esclamativo di Niccolò De Vico, in schiacciata. Nella seconda metà del periodo, invece, Barcellona prova a rosicchiare punti alla compagine biellese con Loubeau e Migliori, ma Biella non demorde e risponde “presente” con Banti, Pierich e Hall (nella sua specialità, rimbalzo e canestro). Inchioda il punteggio sul 58-48 per i rossoblù Andrea La Torre, in contropiede.

Ultimo quarto. L'Angelico è padrona del campo, porta dalla sua nuovi punti fondamentali con Ferguson e Hall, l'ex Olimpia in crescendo. Barcellona bagna il periodo con Capitanelli dall'area, poi fatica a reggere il passo della formazione di coach Carrea. Ci prova con Smith in contropiede (56-66), ci riprova con Capitanelli e Fallucca ma lo score non si smuove dal +10 per i rossoblù. Il punto finale viene fissato da Mike Hall, cecchino perfetto dall'arco. Al quarantesimo esulta Biella, che ribalta il risultato dell'andata portandosi in vantaggio anche nella differenza canestri: 64-77.

La Briosa Barcellona-Angelico Biella 64-77
Parziali: 19-20, 32-41, 48-58.
La Briosa Barcellona: Varotta n.e., Centanni 6, Fallucca 4, Loubeau 21, Capitanelli 6, Bianconi 4, Pettineo n.e., Smith 16, Maccaferri, Migliori 7. All.: Bartocci.
Angelico Biella: Hall 16, Ferguson 14, Banti 8, La Torre 7, Infante 7, Venuto 5, Pollone n.e., De Vico 13, Rattalino n.e., Pierich 7, Svoboda. All.: Carrea.
Arbitri: Ciaglia, Belfiore, Maneghini.