LOADING

Type to search

Nella bolgia del PalaVerde Treviso trionfa contro Bologna

Share

DE’ LONGHI TREVISO – ETERNEDILE BOLOGNA 62-55
(20-17; 40-32; 51-47)

De’ Longhi Treviso: Abbott 6 (1/4, 1/6), Moretti 8 (1/1, 1/3), De Zardo ne, Malbasa 2, Fabi 5 (1/7, 1/3), Busetto ne, Spessotto ne, Fantinelli 2 (1/3, 0/1), Powell 16 (8/11, 0/1), Rinaldi 7 (2/5), Negri 4 (2/2, 0/3), Ancellotti 12 (6/8, 0/1). All: Pillastrini

Eternedile Bologna: Daniel 10 (4/8, 0/2), Rovatti ne, Quaglia, Candi 2 (0/1, 0/6), Campogrande ne, Montano 4 (0/4, 0/7), Sorrentino 3 (0/3, 1/1), Raucci 4 (2/3, 0/1), Carraretto 8 (0/2, 2/5), Amoroso 13 (2/4, 3/6), Flowers 6 (3/5, 0/4), Italiano 5 (0/1, 1/4). All: Boniciolli

Arbitri: Ciaglia, Borgo e Dionisi

Note: Spettatori 5.344; Tiri da due: Treviso 22/41, Bologna 11/31; Tiri da tre: Treviso 3/18, Bologna 7/36; Tiri liberi: Treviso 9/14 , Bologna 12/17; Rimbalzi: Treviso 10+38 (Ancellotti 4+9), Bologna 13+25 (Daniel 2+7); Assist: Treviso 22 (Fantinelli 8), Bologna 13 (Amoroso 4); Palle perse: Treviso 13 (Moretti e Fantinelli 3), Bologna 7 (Tutti giocatori con 1); Palle recuperate: Treviso 2 (Fantinelli 2), Bologna 8 (Daniel e Candi 2); Usciti per 5 falli: nessuno

Era la partita che tutti aspettavano, di quelle che valgono doppio e non solo per l’avversaria: Treviso arrivava a questo match al termine di una settimana di fuoco (Brescia, Imola e Fortitudo in 8 giorni) e con diversi giocatori acciaccati. Serviva una prestazione da campioni, dove il cuore andava gettato oltre l’ostacolo. È arrivata una vittoria con pieno merito, grazie ad una difesa che ha costretto gli avversari al 27% al tiro, ma soprattutto grazie ad un pubblico da tutto esaurito e che questa sera è stato l’uomo in più sul parquet.

LA CRONACA

Ci vuole un minuto per vedere il primo canestro, e che canestro: transizione guidata da Fabi, passaggio dietro la schiena del capitano per Powell e primi due punti per Treviso. L’intensità sale subito al massimo, la pressione difensiva dei felsinei è soffocante, ma la Pillastrini-band non si fa trovare impreparata. Ancellotti è una piovra sotto le plance, e i suoi compagni non sono da meno in difesa. Si corre ai mille all’ora e le rotazioni iniziano in anticipo rispetto al solito: dentro Negri e Moretti già al 5’. E’ proprio il giovane play toscano a procurarsi il secondo fallo del bolognese Candi, fin lì ottimo per i suoi, ma costretto ad accomodarsi in panchina per non rischiare un’ulteriore penalità. Dentro anche Rinaldi e Malbasa: da un’eccellente difesa di squadra arriva un ottimo recupero e dall’altra parte Abbott confeziona un assist al bacio per Powell (11-8). Dal campo non si segna più e allora sono i viaggi in lunetta a muovere il punteggio, fino allo schiaccione di Ancellotti per il +4 (16-12). Montano e Rinaldi fanno doppietta ai tiri liberi, poi è Ancellotti, vera spina nel fianco dell’Eternedile, a scavare il primo, importante, solco (20-14). Ci pensa però Amoroso, con una tripla dall’angolo proprio allo scadere, a dimezzare lo svantaggio. Finisce così il primo quarto di gioco.

È Negri a riaprire le danze, poi sale in cattedra nuovamente Ancellotti, con tanto di rimbalzo in attacco e jump dai sei metri per il massimo vantaggio (+7). Daniel schiaccia su rimbalzo in attacco, ma gli risponde subito Powell con un piazzato coi piedi dentro l’arco. Rimbalzo in difesa per Treviso, la palla gira bene in attacco ed arriva a Moretti: solo rete per Davide, il Palaverde esplode. Bologna è alle corde, Negri in entrata segna il +12 (31-19 al 13’). Airball di Candi, Powell si mette in proprio, spara un fade-away letale e va in doppia cifra. Time-out obbligato per Boniciolli, coi supporters ospiti ammutoliti. Curiosità: il primo fallo di questo secondo quarto arriva solo al 5’ con Moretti. Treviso controlla l’inerzia senza troppi patemi, anche se Amoroso di pura classe confeziona un 5-0, ma di là c’è un Ancellotti in stato di grazia. Sulla tripla di Sorrentino Bologna torna a -8. Il problema della Fortitudo è che Abbott spara un bengala altrettanto micidiale. La terza bomba di Amoroso, ancora in chiusura di quarto, manda tutti negli spogliatoi. Treviso è avanti per 40-32, con Ancellotti e Powell a quota 10 (5/7 da due per entrambi) e 23 rimbalzi contro i 16 ospiti. Decisamente migliori anche le percentuali di tiro per TVB (45% contro 31%) e la valutazione totale (56-27).

Pillastrini sceglie la difesa a zona per iniziare il terzo quarto, ma Amoroso, dopo un paio di errori, trova il canestro del -6 prima della tripla di capitan Fabi. Si sveglia Flowers, fin lì piuttosto in ombra, con quattro punti consecutivi. Niente paura, c’è Powell-bomb a fare pentole e coperchi per TVB, almeno fino al 5’ quando commette il terzo fallo e viene rilevato da Rinaldi. Volano i contatti, terzo fallo anche per Malbasa e tripla di Italiano per il -5. Non ci si può distrarre un attimo: errore di Abbott e bomba di Carraretto per il -2. Bologna ha in più occasioni palla del sorpasso, ma non ne approfitta. Ancellotti interrompe un digiuno che durava ormai da troppi minuti e la difesa stoppa il tentativo della Fortitudo sulla sirena. Il quarto si chiude con il punteggio di 51-47: solo 11 punti per l’attacco di TVB, con la difesa che in compenso garantisce la consueta solidità.

Le sofferenze in attacco continuano anche in avvio di ultimo quarto, così Bologna ne approfitta per pareggiare i conti a quota 51. La Fortitudo ci prova in tutti i modi, ma il fortino trevigiano resiste. Moretti segna con un pregevole arresto e tiro dopo 3’, il resto è una tonnara da entrambe le parti, con le percentuali che calano sensibilmente per entrambe le formazioni. Quarto fallo di Candi, pressione che sale alle stelle, sull’attacco di Treviso arriva Rinaldi a rimorchio per un canestro con la mano sinistra che vale oro. Time-out Boniciolli, poi in un amen terzo fallo sia di Fabi che di Fantinelli. Pillastrini li tiene in campo e fa bene: sospensione vincente del Fante (primo e unico canestro della partita per lui) poi ci pensano i 5.344 del Palaverde a sommergere di fischi gli attaccanti ospiti, che sbagliano due attacchi. E’ il momento di spingere a tavoletta: rimbalzo in difesa, contropiede al laser di Fantinelli che va da Powell. The Bomb si prende il fallo e segna il canestro del 59-52, sbagliando l’addizionale. Non è finita: Carraretto segna da tre e si entra nell’ultimo minuto di gioco sul +4 TVB. Montano sbaglia da tre, rimbalzo di Powell, poi succede di tutto tra perse e recuperi. Gli ultimi, disperati assalti di Bologna sono vani. Vince TVB e allora i 5.344 del Palaverde possono strizzare le corde vocali e mostrare gli striscioni preparati per l’occasione. Powell viene nominato MVP della partita: per lui doppia-doppia da 16 punti con 8/12 dal campo e 11 rimbalzi.

Fonte: Ufficio Stampa Treviso Basket