LOADING

Type to search

Eurobasket che colpo! Arriva Tony Easley

Luigi Liguori 8 Agosto 2016
Share

Si chiude col botto il mercato della Roma Gas & Power Eurobasket, che per il suo primo campionato di A2 si regala sotto canestro Tony Easley. 206 cm per 90 kg, nato il 15 Luglio 1987, per “Slim”, soprannome dovuto proprio al suo fisico estremamente longilineo, sarà la sesta esperienza italiana, iniziata dalla A2 di Forlì e proseguita, poi, nella massima serie con Sassari, Venezia, Caserta e Pistoia prima dell’ultima esperienza trascorsa tra la Turchia e la Finlandia.

Ora la possibilità di tornare in Italia, al termine di un’operazione lampo che rappresenta un altro importante sacrificio della società del presidente Buonamici e che consegna al roster di Davide Bonora un profilo assolutamente in linea con l’idea di gioco del coach bolognese: un lungo non statico, atletico e verticale (176 schiacciate in 107 partite di Serie A) e già con una importante carriera europea alle spalle.

Queste, piene di entusiasmo miste a consapevolezza, le sue prime parole da giocatore della Roma Gas & Power: “Tutti mi chiedono sorpresi perché io abbia accettato questa offerta e io l’ho fatto perché sento che possa essere un buon posto per cercare di costruire qualcosa di “nuovo” e sono grato di questa opportunità. Tornare in Italia per me è come tornare a casa, ho tanti amici e giocare in Italia significa molto per me, amo le competizioni e mi piacciono le sfide, per questo non vedo l’ora di incontrare la mia nuova famiglia”.

Fonte: Ufficio Stampa Roma Gas & Power 

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1