LOADING

Type to search

Dalla D alla A2: Fanti rinnova con l’Eurobasket

Luigi Liguori 15 Luglio 2016
Share

Dalla D alla A2 in poco meno di sei anni, vincendo sul campo, uno alla volta, tutti i campionati. E’ la storia di Eugenio Fanti, pronto a vestire la canotta della Roma Gas & Power Eurobasket anche per la prima affascinante avventura nel secondo campionato nazionale. L’imprevedibile guardia mancina classe ’91 prodotto del vivaio di via dell’Arcadia ha, con l’eccezione di una stagione spesa con la maglia di Costa Volpino, infatti sempre indossato i colori biancoblu ed è l’unico ad aver vissuto per intero, e da protagonista, la prodigiosa cavalcata che, attraverso ben quattro promozioni, ha portato l’Eurobasket dalla sabbiosa periferia dei campi regionali fino all’olimpo della A2. Idolo indiscusso di giovani e meno giovani per l’estrema disponibilità sia fuori dal campo oche nei panni di istruttore minibasket, “Arsenio Lupin” ha chiuso un’altra stagione all’insegna della consueta grande solidità sui due lati del campo, mettendo insieme 9,3 punti (saliti a 10.3 nei playoff) col 70% da 2, 5.4 rimbalzi e 3.1 assist in nemmeno 25 minuti sul parquet, segnale emblematico di una estrema funzionalità che ora è chiamato, come sempre, a confermare anche al piano superiore.

Ma la prospettiva sembra più che altro entusiasmarlo ulteriormente: “Sono contentissimo, per me continuare a giocare nella società dove sono cresciuto ed ora in una categoria così importante è una gioia immensa. Se torno indietro con i ricordi, ad esempio quando tre anni fa abbiamo vinto la C1, posso dire che era impensabile l’idea di disputare un campionato di A2, ma è davvero fantastico aver vissuto questa escalation partita addirittura dalla D e che tra pochi mesi ci vedrà giocare in Serie A”.

Fonte: Ufficio Stampa Eurobasket Roma

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1