LOADING

Type to search

Callahan trascina la Virtus Roma, Mens Sana al tappeto

Share

Ci sono partite che hanno un sapore diverso, una storia che non le renderà mai banali ma sempre un po' speciali. Sarà per i ricordi che evocano, per quelle immagini che scorrono lente nella mente e non vanno via, per i significati nascosti in quei quaranta minuti. In settimana se ne era parlato tanto, anche se purtroppo in palio questa volta non c'era uno scudetto. Il pubblico ha risposto in modo positivo, con le tribune del Palatiziano che hanno finalmente smesso di essere poco popolate.
La Virtus Roma, trascinata da Craig Callahan, non ha tradito le aspettative dei romani presenti, sfoderando una prestazione quasi perfetta che le ha permesso di portare a casa la quinta vittoria consecutiva ai danni della Mens Sana Basket 1871 Siena.

LA CRONACA – La partenza della squadra di casa è con il piede sull'acceleratore: Maresca apre le danze, Callahan serve Olasewere che ringrazia e mette a referto quattro punti consecutivi, la difesa romana è attenta e Ramagli è costretto a chiamare il primo timeout quando il tabellone del Palatiziano segna 10 a 0 per Voskuil e compagni. Il primo canestro della Mens Sana arriva a cinque minuti dalla fine del primo quarto con Bryant (10-2).
Roma continua  a macinare gioco e con due triple consecutive ad opera di Voskuil e Bonfiglio si porta sul 19-4. L'azione successiva è da manuale, con Maresca che pesca Callahan in contropiede per il 21-4 di Roma. Roberts e Ranuzzi tentano di non far affondare Siena ma la squadra di coach Caja non si fa sorprendere e chiude il primo quarto sul 21-9.

I primi minuti del secondo periodo vedono Roma ancora assolutamente padrona del campo, con Maresca ed Olasewere che continuano a segnare. La prima timida reazione degli ospiti arriva con la coppia Borsato-Cacace che permettono alla Mens Sana di arrivare fino al -8 con cui si chiude il primo tempo, con i capitolini rei di aver concesso troppi rimbalzi agli ospiti ed aver preso qualche conclusione troppo affrettata.

Il terzo quarto si apre con Olasewere che sbagli due facili appoggi da sotto, poi è il turno di Craig Callahan che prende per mano la Virtus Roma e la accompagna fino al +23 (45-27) mostrando un repertorio che comprende, tra le altre cose, anche una schiacciata con fallo subito che fa saltare in piedi il pubblico di Roma. Udom e Bryant provano a ricucire ma la musica non cambia, il terzo quarto finisce con una schiacciata di Benetti che subisce fallo e realizza il libero aggiuntivo mandando Roma sul +24 (58-34).

Gli ultimi dieci minuti di gioco vedono la Mens Sana reagire d'orgoglio, con un parziale di 11-0 firmato da Borsato e Bryant. Pericoloso il blackout di Maresca e compagni che trovano il primo canestro dopo cinque minuti firmato da Alan Voskuil. Si riaccende la luce e la partita scivola via con Benetti che mette il sigillo finale dalla lunetta per il 68-50 con cui la squadra di Attilio Caja festeggia la quinta vittoria consecutiva.

Assolutamente da incorniciare la prova di Callahan, mvp della partita con 24 punti realizzati ed un 26 finale di valutazione. Ottimo il sistema difensivo dei romani che ha permesso ben poco all'attacco senese. Menzione speciale per Simone Bonfiglio che non ha fatto sentire l'assenza del suo compagno di reparto Meini, alle prese con un piccolo infortunio che lo terrà lontano dal campo almeno per i prossimi giorni.
 

Acea Virtus Roma-Mens Sana Basket 1871 Siena 68-50 (21-9, 31-23, 58-34, 68-50)

Acea Virtus Roma: Olasewere 10, Maresca 10, Leonzio, Callahan 26, Maestrelli, Benetti 4, Voskuil 15, Casagrande, Bonfiglio 5, Zambon. All. Caja
Mens Sana Basket 1871 Siena: Cacace 4, DiLiegro, Borsato 8, Ranuzzi 5, Marini ne, Bucarelli 2, Udom 10, Roberts 7, Bryant 14, Cucci. All. Ramagli