LOADING

Type to search

Brescia batte Imola e ritrova il sorriso: al San Filippo finisce 66-59

Share

BRESCIA. Al Centro Sportivo San Filippo è andato in scena un match di alta classifica tra due formazioni che, a questo punto della stagione, non sembrano vivere il miglior momento di forma.
Da una parte, infatti, troviamo i padroni di casa della Leonessa Brescia, reduci da tre sconfitte consecutive, di cui due maturate contro dirette avversarie: Treviso e Verona; dall’altra parte l’Andrea Costa Imola, arrivata al big-match in terra lombarda dopo aver subito due sconfitte nelle ultime tre gare di campionato. Alla fine, la squadra che è riuscita a togliersi dalle spalle la pressione della crisi sarà la Leonessa di Andrea Diana, uscita vincitrice dal confronto con il punteggio di 66-59.

CRONACA
PRIMO PERIODO

Brescia conquista la palla a due con Cittadini ma Washington cancella senza fare troppi complimenti l’iniziativa d’attacco di Davide Bruttini. La prima azione del match si chiude con una violazione di 24” da parte dei bianco-blu. Alibegovic cerca di scacciare i fantasmi bresciani segnando il primo canestro dell’incontro e Cittadini prova a costringere Maggioli a correre su ogni possesso, attività che per un colosso di 108Kg come lui non è reggibile sulla lunga durata. Il ritmo stenta a decollare e le squadre, complici le prestazioni rocciose delle due difese, rimangono bloccate a bassi punteggi per tutto il primo periodo. Con gli americani di Imola che faticano ad entrare in partita, il primo a dare una scossa al match è Davide Bruttini che, dopo aver impiegato qualche minuto per dimenticare la stoppata subita da Washington in apertura, segna sei punti consecutivi e consente alla Centrale del Latte/Amica Natura di effettuare il primo allungo sul 14-4. Imola prova la reazione con Preti ma l’efficacia offensiva dei biancorossi, nel primo periodo, è di troppo scarsa qualità, tanto che nei primi 10’ la squadra di coach Ticchi non riesce a segnare più di 6 punti.

SECONDO PERIODO
In apertura di secondo quarto, Imola torna a muovere il proprio punteggio grazie al suo n.7, Francesco Amoni, bravo a smarcarsi dal difensore e a segnare da oltre l’arco a campo aperto. Brescia inizia a scomporsi inspiegabilmente sia in attacco che in difesa (Holmes si incaponisce un po’ troppo nel tiro dalla lunga distanza), così De Nicolao segna altri tre punti che caricano la sua squadra. A metà secondo periodo, però, la Leonessa rinsavisce. Alibegovic segna quattro punti consecutivi, mostrando cosa è in grado di fare quando è lanciato in contropiede: il figlio di Teoman prima si coordina in volo per spiazzare il difensore nell’1vs1 poi schiaccia a canestro il rinnovato +10 per Brescia (22-12). Gli emiliani reagiscono, prima con Washington, che realizza da due punti tirando in sospensione e appoggiando a canestro facilmente a termine di una carambolesca azione, poi con Maggioli che segna dalla media distanza. Ancora Alibegovic (12 punti nei primi 20’) riporta Brescia a +9, ma l’ultimo canestro del primo tempo è di Karvel Anderson e suggella il 28-21 con cui le due squadre tornano negli spogliatoi. 

TERZO PERIODO
Il periodo inizia all’insegna degli errori, dimostrazione che i giocatori di entrambe le formazioni non vivono un grande momento di fiducia. Da una parte, infatti, Imola getta alle mosche ben cinque occasioni di portarsi realmente a contatto nel punteggio, “sparacchiando” un po’ goffamente da oltre l’arco dei tre punti; dall’altre parte a Leonessa che si “impalla” peggio della prima versione di Windows Vista e non trova la via del canestro per tre minuti interi. Il primo a muovere il punteggio è Hassan che non sbaglia dalla lunetta dopo aver subito il fallo di Bruttini. Il giocatore riminese di origini egiziane decide di vestire i panni del trascinatore di Imola e, dopo aver realizzato un bel recupero difensivo su Fernandez e aver lanciato in campo aperto Sabatini, si assume la responsabilità di segnare la tripla del pareggio sul 28-28. Bruttini, dall’altro lato del campo, sbaglia un tiro libero dietro l’altro e costringe Fernandez a fare gli straordinari per tenere a galla una Brescia che, in zona difensiva, si dimostra letteralmente disastrosa a rimbalzo, laddove concede troppo agli avversari. Per fortuna dei lombardi, però, l’Andrea Costa è da parte sua davvero imprecisa al tiro e non riesce a sfruttare in modo costante le doppie chance concesse dai giocatori agli ordini di Diana, tirando solamente 2 delle 12 conclusioni tentate da oltre l’arco durante il quarto. Totè e Holmes riescono a segnare 6 punti consecutivi per Brescia che chiude il periodo sul 39-34.

QUARTO PERIODO
L’ultimo periodo si apre con lo show dei numeri 7 di entrambi gli organici: Amoni dà il via alle danze realizzando da oltre l’arco due triple consecutive in grado di riportare Imola a -2, mentre Alibegovic “buca” il canestro opposto dopo aver ubriacato di palleggi Hassan. Con 4’ ancora da giocare, Maggioli acciuffa il pareggio segnando dall’altezza della linea del tiro libero e Karvel Anderson realizza una “supersonica” tripla in equilibrio più che precario portando i biancorossi in vantaggio (47-50). Bruttini pareggia i conti sfruttando l’assist del proprio play ma, quello di Juan Fernandez, sarà l’ultimo acuto della partita dell’argentino, costretto a lasciare anzitempo il campo per somma di falli. Senza il loro regista titolare, Brescia trova energie insperate da Holmes, bravo a effettuare due bei recuperi difensivi e ad attaccare il canestro in modo efficace, e da Marco Passera, il quale innalza il proprio livello di gioco nel momento decisivo del match: quando manca 1’ al termine, i padroni di casa riescono addirittura a portarsi sul 60-54. Anderson realizza i due liberi della speranza dopo un fallo di Bushati ma Giampiero Ticchi, dalla panchina, lancia l’ordine di non commettere fallo, tattica erronea e che porterà Holmes a segnare altri due punti quando sul cronometro mancano soltanto 30”. L’ultimo mezzo minuto di gioco si trasforma in una vera e propria caccia all’uomo ma i giocatori di Brescia sono davvero bravissimi a mantenere il sangue freddo fino allo scadere. Brescia batte Imola 66-59.    
 
Centrale del Latte/Amica Natura Brescia – Andrea Costa Imola 66-59
Parziali: 18-6; 10- 15 (28-21); 11-13 (39-34); 27-25 (66-59)

Brescia: Passera 4, Fernandez 5, Cittadini 8, Bruttini 13 (+12 rimbalzi), Alibegovic 18, Holmes 13, Totè 3, Bushati 2; N.e.: Mobio, Assoni, Speronello, Bolis. All. Andrea Diana

Imola: Washington 9, Maggioli 8, Amoni 14, De Nicolao 3, Prato 0, Preti 2, Anderson 11, Hassan 7, Sabatini 4, Sgorbati 1; N.e.: Cai.
All. Giampiero Ticchi

Marco Lorandi