LOADING

Type to search

Andrea Costa Imola e il 2015 da sogno: anche Verona al tappeto

Share

L’orgoglio non basta. Vince Imola (71-79), ma la Tezenis esce comunque fra gli applausi dei 4.277 del PalaOlimpia fino alla fine aggrappati ad una partita in salita già alla vigilia per l’assenza degli infortunati Rice e Da Ros. Irriducibile la Tezenis, sempre capace di riavvicinarsi ad Imola anche dopo essere stata sotto di 12 punti (44-56) nel terzo periodo ma anche solo di quattro (63-67) con più di cinque minuti da giocare.

Imola chiude il primo quarto avanti di sette punti, nella Tezenis ci sono soprattutto i nove di Chikoko. La Scaligera entra nell’ultimo minuto sotto di due, ma Imola trova i due di Maggioli ed i tre di Washington per il 13-20 della sirena.
Washington allarga subito (13-23) il divario con una tripla, Spanghero da tre (7’27”) fa 18-25, Ricci accorcia (6’18”) a 21-27 con una tripla frontale, a 4’23” la Tezenis è ancora sotto di sei col canestro di Boscagin dopo la palla rubata da Saccaggi, Cortese (3’53”) va fino in fondo e appoggia al tabellone il 27-31, Boscagin (2’24”) il 30-34. Maggioli dall’altra parte appoggia al tabellone il 30-36, Spanghero (32-36) fa solo rete (1’39”) pestando la linea dei 6.75. Fino all’intervallo, chiuso sul 36-41.
Imola comincia come nel secondo periodo, con la bomba stavolta di Hassan del 36-44. La Tezenis, in campo con Chikoko e Michelori, è sotto di otto (7’58”) per i due ancora di Hassan a cui risponde Boscagin con un’entrata che strappa l’applauso del PalaOlimpia. Hassan tiene aperta la sua striscia aperta con la bomba del 42-49 (6’29”) all’ultimo di 24” di buona difesa da parte della Tezenis, che dall’altra parte del campo resta a contatto di Imola (44-49) con due liberi di Boscagin. Segna Anderson, Imola entra nella seconda metà del quarto avanti 44-52 e torna avanti di dieci (44-54) a 4’42”. Imola trova anche i due di Maggioli dall’angolo (44-56) per il massimo vantaggio. Chikoko la mette da tre, Boscagin è preciso dalla lunetta, la Tezenis scende sul 49-56 a due minuti dal termine. Sbaglia Prato, sbaglia anche Amoni, Boscagin (1’01”) prende un altro fallo. Altri due. Il parziale è di 7-0, la Tezenis difende forte e recupera palla. Cortese dall’angolo prende il ferro da tre dopo l’ottima, l’ultimo canestro (51-58) prima dell’ultima minipausa.
Ultimi dieci minuti. Botta e risposta Washington-Spanghero (53-60), la Tezenis chiama minuto (8’28”) dopo la tripla (53-63) di Prato. All’uscita dalle panchine ne mette subito due Chikoko, ma Prato risponde con altri due. Cortese segna da tre (58-65 a 7’06”), da tre dall’angolo segna anche Spanghero (63-67) quando alla fine mancano ancora 5’34”. Hassan da tre non prende nemmeno il ferro, ma Imola trova due punti con Sabatini (63-69 a 4’15”) ed altri due (3’46”) con Anderson. Saccaggi in entrata (3’24”) fa 65-71, Chikoko firma (2’10”) il tap in del 67-71 ma Maggioli riporta i suoi avanti di sei e di otto (67-75) a 1’16” dalla sirena. Imola conquista anche secondi tiri e gioca anche col cronometro. Washington fa 67-77. Finisce 71-79.

Fonte: Uffioc Stampa Scaligera Basket Verona