LOADING

Type to search

NBA

Warriors perfetti, Clippers sconfitti nel finale

Share

Golden State Warriors- Los Angeles Clippers (112-108): Cinque su cinque. Esattamente come la passata stagione i Warriors totalizzano cinque vittorie nelle prime cinque partite battendo a loro volta gli imbatutti Clippers autori comunque di una gran partita alla Oracle Arena. La suqadra di coach Rivers si era trovata sul +8 a 7 minuti dalla fine del match, approfittando di un sontuoso Griffin (23 punti con 10 rimbalzi e 6 assist) e di un'ottima difesa, limitando – per quanto possibile – lo strapotere offensivo della squadra della Baia. Qui però il solito Harrison Barnes, completamente assente in certi momenti ma devastante quando si accende, realizza 10 punti consecutivi contribuendo a “risvegliare” anche Steph Curry, che con 11 punti consecutivi prende in mano la partita, sigillandola con una tripla delle sue dal palleggio di irrisoria facilità. Sul capitolo Curry bisognerebbe scrivere un intero articolo, ma ci limitiamo ad esporre qualche (fanstascentifico) dato: 28 triple realizzate nelle prime 5 partite (dopo il 7/11 della serata) sono un record nella storia della Lega, come risultano folli i 179 punti su 151 minuti in 101 tiri presi totalizzando poco più di una palla persa a partita. Semplicemente ingiocabile. In una partita che ha visto prima Curry e poi Paul avere rispettivi problemi di falli, la panchina dei Clippers (30 punti a referto) ha fatto la differenza soprattutto nel secondo tempo confermandosi la vera arma in più rispetto alla passata stagione, mentre i Warriors nonostante un quintetto in doppia cifra sono dovuti ricorrere all' utilizzo di Draymond Green da “5” nel finale, vero segreto di pulcinella quando le partite si fanno complicate. Nonostante la prima sconfitta stagionale, Doc Rivers può uscire contento da questa trasferta per quanto riguarda la sua squadra, ma fino ad un certo punto pensando a questi Warriors ed a questo Curry, tornati per stessa definizione dell' MVP in carica “ancora più consapevoli e maturi” della passata stagione.