LOADING

Type to search

NBA

NBA – il meglio e il peggio della notte NBA del 16/12

Share

Quattro gare nella notte di basket pro Made in USA, con Kobe che guida i suoi Lakers nella vittoria contro i Bucks, in contemporanea con LeBron James, che aiutava Cleveland ad avere la meglio dei Boston Celtics. Vediamo cosa è successo sui campi della National Basketball Association!

Cavs corsari a Boston, grazie sicuramente a James, che ne mette 24 con 7 rimbalzi, ma anche a percentuali dei padroni di casa quantomeno deficitarie: 32% dal campo e 28% dalla lunga distanza. Per i Celtics, 17 per Bradley e 14 per Crowder, ma ancora tanti errori e troppa differenza in termini di uomini, esperienza e gioco prodotto, per poter ambire a qualcosa in più rispetto alla posizione attualmente occupata nella Eastern Conference.

Vittoria esterna per i Nuggets, che a Minneapolis hanno la meglio dei giovani Wolves con la doppia-doppia di Faried (19 e 10) ed ai 15 con 3 rimbalzi e 5 assist per Danilo Gallinari. Per i Wolves, il solito Wiggins (23 punti), il solito Towns (18 e 6 rimbalzi) ed il secondo ventelli in fila uscendo dalla panca per LaVine, dopo quello di 36 ore fa contro i Suns. Beata Gioventù!

Non bastano a Houston i 33 di Harden nella sfida contro i Kings a Sacramento, dove ormai da padrone la fa quello col numero nove, al secolo Rajon Rondo. Quattordici punti e 13 assist per l'ex Celtics e Mavs, che accompagnano i 26 e 12 di Cousins e i 17 di Rudy Gay. Nove, dalla panca, per Belinelli, in campo per circa 27'.

Infine, la maestosa presenza di Kobe Bryant continua a fare il suo effetto, e se alla fine il 24 dei Lakers ne mette 22 contro i giovani Bucks, ci scappa anche la vittoria interna allo Staples e i motivi per “celebrare” raddoppiano. Per i Bucks di coach Kidd 16 per Middleton, 15 per Antetokounmpo e 12 per Parker, ormai definitivamente sulla via del ritorno.