LOADING

Type to search

NBA

Il Meglio ed il Peggio della notte NBA – 02/12

Share

Philadelphia, finalmente!

Prima vittoria nella notte NBA per i Sixers, che sfruttano lo scontro tra le ultime in programma a Philadelphia e battono i Lakers, ancora sotto l'effetto post annuncio del ritiro di Bryant. Venti punti con 7 tiri a segno sui 26 tentativi per il 24 in gialloviola, accompagnato dalla doppia coppia di Randle (12 punti e 11 rimbalzi), insufficienti però ad arginare i sei in doppia cifra in maglia Sixers, guidati da Convigton a quota 23. Inutile però sognare una serie positiva per i ragazzi capeggiati da Okafor (12 punti con 6/14 dal campo per lui), i Lakers capiteranno solo un'altra volta in tutto il proseguo della stagione.

NOLA, NO! 

Chi ipotizzava una stagione positiva per i Pelicans non avrebbe mai immaginato un inizio così disastroso. Il talento di Davis, bloccato per diversi match da infortuni e fastidi vari, non basta a invertire una partenza con un saldo negativo difficilmente invertibile, almeno nel breve. Gli avversari della scorsa notte, i Grizzlies, invece, con la loro solidità e con i 113 punti segnati (si, i Grizzlies ne hanno messi 113!) continuano a accumulare vittorie che risulteranno decisamente fondamentali alla fine delle 82 di regular season. 38 punti conditi da 13 rimbalzi (tutti in difesa) per Gasol, autore di una prestazione maiuscola e come mai in precedenza determinante al fine dell'economia del match. Il monocilgio invece si ferma a 17 marcature, con 14 rimbalzi, mentre Evans, miglior marcatore dei Pelicans, strappa un inutile ventello. 

Beata Gioventù!

Nella sfida tra Magic e Wolves, le due franchigie con i migliori prospetti in NBA hanno mostrato il loro dinamico talento dando vita ad un match combattuto e pieno di higlighs. Vincono i Magic, corsari al Target Centre con sei in doppia cifra, e le prove notevoli di Vucevic (18 e 12) e Payton (14, 8 rimbalzi e 5 assist). Per i “lupacchiotti”, il solito Wiggins (27) non supportato dal rientrante Rubio (solo 3 punti in 27' di utilizzo). Il futuro è roseo, ma al momento sorride a fasi alterne, per entrambe le franchigie.