LOADING

Type to search

NBA

Golden State non si ferma più. Battuta anche Sacramento

Share

Un'imbattibilità da mantenere e un titolo da difendere. Così si può riassumere l'atteggiamento di questi Golden State Warriors di inizio stagione, che continuano a dominare sugli avversari regalando numeri da cineteca. Nella notte la squadra di Kerr, ora ai box e sostituito da Walton, era ospite dei Kings del nostro Marco Belinelli, partiti maluccio a dispetto delle tante aspettative. I primi minuti sono di Livingston e Iguodala, che col più classico dei difesa e contropiede consentano a Golden State di far ruotare le star scavando un piccolo solco tra le due squadre. Curry inizia malissimo, 0/8 fino al terzo quarto dalla lunga distanza con 6 palle perse. Ne risentono alla lunga i suoi compagni che con 4 da giocare nel terzo parziale sono in vantaggio di appena 5 punti, grazie anche alla solida prestazione di Rajon Rondo che chiude, come ai tempi d'oro, in tripla doppia e trascina i suoi fino al vantaggio. A quel punto la mano di Curry torna rovente e con la tripla in transizione seguita poi da quella di Thompson e dalla successiva tripla da MVP dall'angolo ancora di Steph, archivia la pratica Sacramento, a cui non basta, tra le altre cose, la super prestazione del nostro Marco Belinelli che ne mette 22 dalla panchina dimostrando di essere molto a suo agio come leader della second-unit. I Warriors mantengono l'imbattibilità e continuano a fare sempre più paura…