LOADING

Type to search

NBA

Curry non si ferma più, 34 punti per battere i Nuggets di un ottimo Gallinari

Share

Golden State Warriors – Denver Nuggets 119-104

No contest all'ORACLE Arena, i Warriors (6-0) abusano dei modesti Nuggets più di quanto non dica il punteggio finale e lo fanno dimostrando una superiorità schiacciante fin dal primo quarto chiuso con un impressionante 40-23 di parziale. Dopo meno di 5' di gioco i padroni di casa hanno già un vantaggio in doppia cifra nonostante i Nuggets (2-4) possano contare su un Gallinari voglioso di ben figurare davanti ai Campioni NBA in carica. L'azzurro realizza 9 dei suoi 25 punti nel solo primo quarto ma il problema dei Nuggets è solo difensivo, pensare di poter fermare l'atomico attacco dei Warriors è pura utopia, Steph Curry inizia ad entrare in ritmo ed all'intervallo può già vantare 20 punti sul suo tabellino con i padroni di casa sul +30. Il match è praticamente archiviato ma lo spettacolo ad Oakland merita comunque di essere seguito fino in fondo se non altro per ammirare fino alla fine la prova da 34 punti (12/22 dal campo, 8/16 da 3,) 10 assist, 7 rimbalzi e 3 recuperi di Steph Curry, in questo momento nessuna forza competente può pensare di fermarlo. Molto bene anche Harrison Barnes (21 punti) e nel complesso tutto il front court dei Warriors che riesce a vincere nettamente anche la battaglia dei rimbalzi. In casa Nuggets ancora una volta troppo solo Gallinari, l'unico a dare un supporto concreto almeno in fase offensiva è Barton (19 punti) mentre il rookie Mudiay continua nella sua discontinuità, 13 punti (6/19 al tiro), 5 assist e 4 palle perse, numeri che non possono coincidere con un referto rosa per la squadra.