LOADING

Type to search

Varese: capitan Cavaliero prolunga il contratto con l’Openjobmetis

Luigi Liguori 14 Luglio 2016
Share

La Pallacanestro Openjobmetis Varese è lieta di comunicare di aver esteso per altri due anni il contratto di Daniele Cavaliero. Il carismatico capitano biancorosso, che lo scorso anno ha guidato i suoi compagni con grinta e passione fino alla finale di FIBA Europe Cup e ad un passo dai playoff di Serie A, vestirà pertanto la maglia della Openjobmetis per altre tre stagioni. Quella di Daniele è una profonda dimostrazione di attaccamento e fiducia al progetto del club di Piazza Monte Grappa che, dalla sua, rivede nel play/guardia classe ’84 quei valori che da sempre sono alla base della società varesina.

Paolo Moretti, allenatore Pallacanestro Openjobmetis Varese: «L’anno scorso Daniele, da vero capitano, è stato il punto di riferimento per i suoi compagni in una stagione travagliata sia a livello di squadra che a livello personale; anche grazie alle sue parole ed al suo esempio Varese ha trovato la forza per invertire la rotta ottenendo risultati importanti. Sono molto contento che Claudio Coldebella, come me, abbia individuato nel giocatore e, soprattutto, nell’uomo una pedina fondamentale per la società. Oltre al prezioso contributo che darà in campo, Daniele sarà essenziale in fase di costruzione della squadra nei prossimi anni. Forza Capitano!».

Daniele Cavaliero, play/guardia Pallacanestro Openjobmetis Varese: «Sono felice ed orgoglioso di potermi legare per tanti anni ad una realtà importante come Varese, che ha impostato un vero e proprio progetto basato sulle persone. Non mi riferisco solo ai giocatori, ma anche agli uomini e alle donne che danno l’anima spingendo tutti nella stessa direzione per migliorare giorno dopo giorno questa organizzazione. Ho capito quanto la gente di Varese sia innamorata della “sua” città e sentivo che questo era il posto in cui volevo stare e continuare questo percorso insieme».

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Varese
Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1