LOADING

Type to search

Vanoli Cremona, coach Sacchetti presenta la serie contro Venezia: “Lo sport ci ha abituati a qualche sorpresa”

Fabrizio Fasanella 12 maggio 2018
Share

Meo Sacchetti, capo allenatore della Vanoli Cremona, ha parlato della serie di playoff contro i campioni d’Italia di Venezia: “Sicuramente ad inizio stagione non ci aspettavamo di essere dove siamo ora. Siamo sempre stati con i piedi per terra guardando sempre a una partita alla volta. Volevamo raggiungere il più velocemente possibile la salvezza, poi c’è stato lo step intermedio che ci ha permesso di arrivare alle finali di Coppa Italia, infine abbiamo giocato questo finale di campionato per arrivare fino alla fine avendo uno scopo per cui allenarci, tenendo aperta la speranza playoff. La miglior qualità del nostro gruppo quest’anno è che stanno bene insieme. Si è creata questa bella fusione tra i giocatori italiani e quelli americani e questa è la parte importante. Chiederò loro di giocare questa serie come sanno fare e come hanno dimostrato di saper fare lungo tutto il campionato. I playoff sono una bella vetrina per la società ma anche per loro. Sarà la partita del’ottava contro la prima e noi cercheremo di onorare il primo posto della Reyer con una grande prestazione. Siamo perfettamente consapevoli della differenza di valori in campo ma lo sport ci ha anche abituato a qualche sorpresa. Sarebbe sicuramente una bella sorpresa per noi portare a casa almeno una vittoria in queste prime due sfide. Con loro non puoi limitarti a difendere bene su uno o due giocatori perché sono tutti determinanti. Non sarebbero arrivati primi se non fossero la squadra forte e completa che sono. Noi però vogliamo fare la nostra parte e meritarci questi playoff. Vogliamo fare una grande prestazione e siamo fiduciosi che i nostri giocatori possano tirare fuori qualcosa in più in queste partite“.

Tags:
Fabrizio Fasanella

Nasce a Milano, dove vive tuttora, l’1 Novembre del 1996. Studia comunicazione e società all’Università degli Studi di Milano dopo cinque anni di liceo delle scienze umane opzione economico-sociale all’Istituto Tenca. Gioca a basket dalla terza elementare alla quinta superiore, girando diverse società milanesi e dell’hinterland. Appassionato ed esperto della stella dei Nuggets Danilo Gallinari, nel 2010 apre una pagina Facebook a lui dedicata che gli permette di farsi notare e di avere la possibilità di unire le sue due più grandi passioni: la pallacanestro e la scrittura giornalistica. All’inizio della stagione 2012-13 comincia a pubblicare i primi articoli sull’Olimpia Milano per ScoutingCenter.net (la “vecchia” versione di The Basketball Post) e già nel 2014, a 18 anni nemmeno compiuti, ha l’opportunità di vivere da giornalista accreditato le Final Four di Euroleague a Milano e le finali scudetto (nei match al Forum d’Assago) tra l’Olimpia e la Mens Sana. Verso la fine del 2014 diventa, tra le altre collaborazioni, vice responsabile di Redazione del sito assieme ad Alessandra Conti. Su Facebook lo trovate sulla pagina “Fabrizio Fasanella’s Basketball Articles”. I suoi giocatori preferiti di sempre sono il già citato ‘Gallo’, Ray Allen, Kobe Bryant, Vassilis Spanoulis, Manu Ginobili e Sasha Djordjevic. Sul web scrive anche di benessere e sport all'aria aperta.

  • 1