LOADING

Type to search

Valli: “Domani avremo rotazioni corte, siamo preoccupati ma non frustrati”

Share

La notizia del ko di Penny Williams è l’ennesima tegola con cui Giorgio Valli deve fare i conti, prima di una sfida importante con la Giorgio Tesi Group alla Unipol Arena. Il timoniere di Obiettivo Lavoro risponde come è sua abitudine, guardando avanti e reagendo. “Mi dispiace per Penny, che a Brescia e ieri in allenamento aveva fatto cose ottime. Purtroppo domani le rotazioni saranno ancora più corte. Dovremo fare giocare, come è successo in passato, Odom in posizione di tre. Siamo usciti da una lunga settimana di lavoro, giovedì ho dato riposo proprio per spezzarla. Penny ieri, lo ribadisco, è stato tra i migliori dell’allenamento. Che faremo? Andremo avanti, ormai ci siamo purtroppo tristemente abituati, faremo con chi c’è. Per uscirne serve sempre maggiore collaborazione, sia difensiva che offensiva. Difensiva per non lasciare solo nessuno, in attacco per non perdere palloni magari anche banali, perché si trasformano in contropiedi avversari. Ho chiesto a tutti di giocare anche con un po’ di utile ignoranza. Giochiamo in casa, non possiamo fare ulteriori passi falsi, non possiamo guardare in faccia nessuno, nemmeno una squadra come Pistoia che è la rivelazione del campionato”. Una partita così, spiega Valli, si prepara con convinzione raddoppiata. “Siamo preoccupati per la classifica, ma non siamo frustrati. Dal punto di vista dell’impegno, è una partita che si prepara da sola. Da quello della lucidità, dovremo gestirla bene e cercare di non essere troppo nervosi. Esserlo è un fatto umano, ma dobbiamo uscire piano piano da questa situazione”. Per la terza volta in fila si gioca contro una capolista. Cosa significa, e cos’hanno avuto dalla loro squadre come Cremona, Trento e Pistoia, che la Virtus non ha avuto? “La salute, forse. Ma anche un gruppo che è partito come l’anno scorso eravamo partiti noi. Sapevano cosa potevano avere dai loro uomini. E c’è stato anche un pizzico di buona sorte, Pistoia ha vinto qualche partita in volata e le vittorie, come si sa, compattano. All’inizio hanno tirato molto bene, ora semplicemente giocano molto bene”. Nelle ultime due gare in trasferta, Obiettivo Lavoro ha dovuto fare anche i conti con un grande numero di palle perse. “Una quota dovuta all’aggressività, che in trasferta subisci ovviamente di più. Ma è stata anche questione di tecnica di passaggio o di timing, e su questo siamo accaniti lavoratori. Ci servono cose molto semplici, molto lineari, e magari qualche tiro preso con incoscienza. Per quanto riguarda il lavoro sotto canestro, trovo Pittman estremamente migliorato in difesa, dall’inizio della stagione. In casa lo troviamo molto meglio in fase d’attacco, chiaro che dobbiamo trovarlo da un punto di vista dinamico, non solo statico”. Molte sconfitte fanno ovviamente parlare, di presente e di futuro. Giorgio Valli affronta la questione con serenità e lucidità. “Le voci fuori fanno parte del nostro mestiere, non possiamo ascoltarle tutte. Conta quello che si dice in spogliatoio, e io ho fiducia nel nostro lavoro e nei miei giocatori”.

Fonte: Ufficio Stampa Virtus Bologna