LOADING

Type to search

Ufficiale, Riccardo Moraschini è dell’Aquila Trento

Luigi Liguori 20 Luglio 2016
Share

Dopo due stagioni a Mantova la guardia di scuola Virtus Bologna tornerà in serie A in maglia bianconera. Buscaglia: “Ha grande voglia di mettersi in gioco: è perfetto per completare il reparto esterni che vogliamo allestire” 

 

Dolomiti Energia Basket Trentino annuncia di aver sottoscritto un accordo per la stagione 2016-2017 con l'esterno di scuola bolognese Riccardo Moraschini, nelle ultime due stagioni grande protagonista in LegaDue con la maglia della emergente Dinamica Mantova.

Nato 25 anni fa a Cento, in provincia di Ferrara, Moraschini è una guardia di 195 centimetri di altezza cresciuta nel vivaio della Virtus Bologna. Dopo aver esordito in serie A a soli 16 anni, Riccardo veste la maglia delle Vu Nere per quattro stagioni, completando la trafila delle giovanili e nel contempo inanellando 45 presenze nella massima serie e 60 presenze nelle varie Nazionali di categoria (con tanto di medaglia d'argento conquistata da protagonista agli Europei U20 di Spagna).

Fonte: Ufficio Stampa Aquila Basket Trento 

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1