LOADING

Type to search

Sassari: ufficiale l’ingaggio di Diego Monaldi

Luigi Liguori 21 Giugno 2016
Share

Ventitre anni e 185 centimetri di energia allo stato puro: tra i giganti biancoblu arriva Diego Monaldi point guard di grande carattere, competitivo e agonista, leader per natura.  Gran feeling con il canestro, spesso nelle sue mani sono passate le giocate decisive e i possessi importanti per la Proger Chieti – con cui ha giocato le ultime due annate – su tutti il canestro all'ultimo secondo contro Legnano, che è valso la salvezza matematica. A dispetto della giovane età ha già lunga esperienza in azzurro, pedina delle selezioni nazionali U16, U18 e con l’U20, con cui ha vinto la medaglia d'oro agli Europei 2013 giocati a Tallinn in Estonia. Nel 2015 è aggregato alla nazionale maggiore sperimentale.

Nativo di Aprilia (Latina), classe 1993, muove i primi passi nel vivaio Virtus Roma, prima di trasferirsi alla Mens Sana Siena dove completa il suo percorso sulla scena giovanile. Durante l’esperienza senese è aggregato anche alla prima squadra, con la quale fa il suo esordio in Serie A. Dal 2014 è protagonista con la maglia della Proger BLS Chieti, due stagioni che lo consacrano come uno dei migliori prospetti italiani del secondo campionato nazionale. Nella stagione appena conclusa è sceso in campo in tutte le 30 gare disputate dalla sua squadra, con 32,2 minuti di impego medio e 12,5 punti, 3,1 assist e 2,9 rimbalzi.

Fonte: Ufficio Stampa Dinamo Sassari

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1