LOADING

Type to search

Sassari: ufficiale l’ingaggio dell’ex Pesaro Trevor Lacey

Luigi Liguori 24 Giugno 2016
Share

Forza, rapidità, atletismo, aggressività: in casa Dinamo Banco di Sardegna arriva Trevor Lacey, guardia americana da 191 centimetri per 94 chilogrammi. Classe 1991 è un giocatore di talento e con grandi qualità di ball-handling. Il suo marchio di fabbrica è un mix di qualità fisiche e mentalità, con una dote straordinaria in palleggio-arresto e tiro e nel costruirsi il tiro in ogni situazione e in ogni parte di campo. Molto produttivo nel gioco in transizione, nell'uso del pick'n roll è in grado di finalizzare o di mettere in ritmo i compagni. Giocatore completo, per qualità fisiche è in grado di giocare minuti da ala piccola, per capacità nel gestire la palla anche da playmaker. In difesa è sempre aggressivo e pronto ad aiutare i compagni.

Giovane, duttile e con grande voglia di migliorare, già leader nei 3 anni collegiali a North Carolina State, trova la sua consacrazione in NCAA con 15.7 punti, 4.6 rimbalzi e 3.5 assist di media con il 43.6% dal campo e il 39.2% da tre, cifre che gli hanno garantito l’ingresso nel secondo miglior quintetto di conference. E’ uno dei migliori rookie arrivati lo scorso anno in Eruopa, il suo apporto è stato fondamentale per la salvezza conquistata nell’ultima stagione dalla Vuelle Pesaro, dove ha chiuso con 14.5 punti, 4.8 rimbalzi e 2.6 assist di media in 34.2 minuti di utilizzo di media. Ora è pronto ad affrontare questa nuova avventura e a cogliere la sfida lanciata dalla Dinamo.

Fonte: Ufficio Stampa Dinamo Sassari

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1