LOADING

Type to search

Reggio vince al fotofinish e si porta in vetta

Share

Big match nel posticipo della decima giornata del campionato Serie A Beko al PalaBigi di Reggio Emilia, dove la Grissin Bon ospita la capolista Milano, con la possibilità di agganciarla in testa alla classifica. L'Olimpia ritrova il proprio capitano Alessandro Gentile, oltre al rientrante Macvan, mentre ritorna proprio al PalaBigi il grande ex della partita Andrea Cinciarini; nei reggiani assente Gentile per una contusione alla schiena, mentre sono regolarmente in campo gli altri due acciaccati Kaukenas e Polonara. Il quintetto reggiano vede in campo De Nicolao Aradori Kaukenas Polonara e Veeremenko, mentre coach Cancellieri (assente Repesa per motivi famigliari) risponde con Cinciarini Jenkins Simon Mclean e Barac.

Primo Tempo

La Grissin Bon parte forte spinta dalle triple in rapida frequenza di De Nicolao e Kaukenas (2), Milano al contrario lancia segnali inquietanti, principalmente nella sua metà campo difensiva – soprattutto una transizione a dir poco rivedibile – e con poca concentrazione offensiva: il 16-6 che costringe al timeout Cancellieri a 2 minuti dalla fine del primo quarto è un vantaggio che va stretto ai reggiani. Una prima frazione dominata dai reggiani si chiude con un emblematico 21-8, Milano (3/18 dal campo) semplicemente non pervenuta fino ad ora.

L'Olimpia rimane attaccata con le unghie e con i denti chiudendo sotto di 8 lunghezze il primo tempo (33-25), più per demeriti dei reggiani, fermi ad un 2/11 nel secondo quarto dopo i primi 10 scintillanti minuti di gioco. Barac Simon e McLean combinano per 19 dei 25 punti a referto per gli ospiti, poco o niente dal resto della squadra, compreso un Hummel ancora una volta in difficoltà con zero canestri realizzati su cinque tentativi, la maggior parte di essi ben costruiti. Il tabellone può “sorridere” all'EA7, ma servirà indubbiamente di più per battere questa Grissin Bon; 1/7 per la rientrante coppia Gentile-Macvan, apparsi poco brillanti fisicamente.

 

Secondo Tempo

Appena chiamato Gentile risponde presente, segna tre canestri in fila caricando la squadra e facendo infiammare l'ambiente, non particolarmente contento per l'atteggiamento del capitano dell'Olimpia che impatta la partita a quota 33, consegnandoci finalmente una partita vera e propria. Un De Nicolao decisivo sia dal punto realizzativo (8 punti nel quarto) che nella fase di playmaking trascina insieme a Della Valle la Grissin Bon al controparziale, Milano però rimane attaccata alla partita con i rimbalzi offensivi (5 nel quarto) chiudendo sotto di soli 4 punti in vista dell'ultima decisiva frazione di gioco (50-46).

Lafayette e Jenkins aprono il quarto quarto con tre bombe in fila (Milano era a 2/21 dall'arco) ma Veeremenko e poi una bomba di Silins riportano avanti i reggiani, scatenando le ira di Cancellieri che chiama un immediato timeout (59-55) con poco più di 5 minuti sul cronometro. Gentile, dopo un canestro da cinema contro Aradori, si interstadisce perdendo i successivi tre palloni dando il là alla fuga reggiana chiusa da un contropiede proprio dell'ex Venezia per il 65-57, secondo timeout obbligatorio in casa Olimpia. tripla in fila di Cinciarini e di Gentile (di talento puro) portano Milano al -1 (68-67); sul possesso successivo Kaukenas sbaglia, Mclean si addormenta a rimbalzo permettendo a De Nicolao di realizzare in penetrazione il nuovo +3 a 30 secondi dalla fine (70-67). Dopo l'errore di Gentile, Cinciarini prende il rimbalzo chiamando Kaukenas al successivo fallo sistematico su Simon, il quinto per il lituano: 2/2 in lunetta e “minuto” di Menetti (70-69) a 17 secondi dalla fine, Milano ha esaurito tutti i suoi timeout, importante in questo finale. De Nicolao glaciale dalla lunetta (2/2) ma altrettanto meno sul capovolgimento di fronte, franando sul tiro da tre di Cinciarini e regalando i conseguenti liberi: nella bolgia del PalaBigi Cinciarini sbaglia il primo impedendo all'Olimpia di impattare. Dopo il successivo 2/2 di Della Valle accade nuovamente l'incredibile: nuovo fallo sul tiro da tre punti di Gentile che però a sua volta sbaglia il secondo libero, consegnando così la vittoria a Reggio Emilia. Il finale dice 74-72 Grissin Bon, in un finale sciagurato per entrambe le squadre dove sono stati fatali gli errori in lunetta, Mvp un De Nicolao in formato extra.

 

Grissin Bon Reggio Emilia: Aradori 6 Bonacini Polonara 2 Lavrinovic 8 Della Valle 9 De Nicolao 17 Pechacek 2 Veeremenko 12 Kaukenas 9 Silins 10

Emporio Armani Milano: Mclean 6 Lafayette 8 Gentile 18 Amato Cerella Macvan Magro Cinciarini 20 Jenkins 5 Hummel Barac 6 Simon 17

Stefano Chiossi