LOADING

Type to search

Pesaro: arriva la firma di Harrow

Luigi Liguori 5 Agosto 2016
Share

La VL Consultinvest Pesaro comunica di aver raggiunto un accordo con Ryan Harrow, che sarà il playmaker della VL 20162107

Harrow alto 188 cm, nato il 22 Aprile 1991, è reduce da una stagione esaltante: primo anno da professionista  in Europa, in un campionato duro come è da sempre la serie A1 Greca, ha compiuto l'impresa di portare il Rethymno Aegean ai play off. Ha raggiunto un risultato positivo così sorprendente totalizzando ottime medie: 27 minuti di gioco, 13 punti realizzati con il 46% da 2 e il 40% da 3, 3 assist e 2,5 rimbalzi, 2 palle perse e 1,5 recuperi.

Proveniva da una carriera collegiale che gli ha permesso di migliorare diversi lati del suo gioco: ha iniziato a North Carolina State grazie al suo talento senza controllo espresso all'High School; si è trasferito al college di Kentucky per colmare i margini di miglioramento nella regia, nelle letture del gioco e nel tiro da 3 punti; dopo due anni si è trasferito ancora a Georgia State per laurearsi e giocare come principale realizzatore della squadra.

Oggi è quindi un regista capace di controllare i ritmi del gioco e di scegliere come coinvolgere i compagni ed, allo stesso tempo, di realizzare grazie al tiro da 3 punti e sopratutto alle penetrazioni fino al ferro dopo aver battuto la difesa con grandi cambi di mano e di velocità.

Partirà dalla panchina per entrare e mettere al servizio della squadra la sua capacità di ball handling, la sua rapidità e una serie di diverse soluzioni tecnico tattiche: coach Bucchi potrà utilizzarlo al fianco di Fields o Thornton, spostando quest'ultimo in posizione di guardia. Potrà anche sfruttare un quintetto in stile “small ball”, alla Golden State Warriors, con i 3 USA contemporaneamente sul rettangolo di gioco e Jasaitis in posizione di 4 tattico.

 
Fonte: Ufficio Stampa VL Pesaro
Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1