LOADING

Type to search

Paolini: “L’importante è che ognuno di noi dia il 100%.”

Share

Riccardo Paolini presenta alla stampa la partita della sua Consultinvest contro l'Umana Venezia. “A Caserta è stata un'occasione persa, nonostante tutto abbiamo avuto due bombe per il pareggio. Come spesso succede in partite tirate, gli episodi ci hanno condannati. Non avevamo giocato bene, ma comunque eravamo lì fino alla fine.
Questa settimana la squadra ha lavorato con un atteggiamento positivo. Venezia è un'avversaria forte che chiede il meglio da noi. Dobbiamo vincere e riconciliarci con il nostro pubblico dopo la brutta partita con Cremona.
L'inserimento di Daye sta andando bene, è un giocatore intelligente e aperto, parla tantissimo e questo ci aiuta molto. Anche per lui la settimana è stata positiva. Non ha ancora la forma fisica al 100%, spero arriverà prima possibile. In ogni caso i giocatori come lui sanno gestirsi anche quando non sono al massimo.
Con Venezia finiremo per schierare anche quintetti strani, con il roster attuale siamo quasi obbligati. Daye impreciso? Erano buoni tiri anche se sono stati sbagliati, la squadra richiedeva quello. Non erano tiri forzati o fuori equilibrio. Shelton e Walker a rischio? Io sono il primo ad essere a rischio. L'importante è che ognuno di noi dia il 100%.
Venezia sarà agguerritissima, viene da 3 sconfitte in fila e quindi sono qui per vincere. Ress ogni volta che ci affronta ci insegna basket, mi piacerebbe tornasse a Pesaro a mostrare ai nostri giovani come si fa a diventare grandi giocatori. 
Venezia è una bella squadra, ha panchina lunghissima e completa, non ha punti deboli. Riescono a sfruttare ogni giocatore per le sue caratteristiche peculiari, sono allenati benissimo da Recalcati e De Raffaele. Da parte nostra, abbiamo bisogno di fiducia e autostima. Dobbiamo combattere e mettere il cuore in campo. Il nostro pubblico apprezza questo anche se magari alla fine perdiamo. Abbiamo Ceron e Candussi, due ex che ci tengono tantissimo Praticamente la seduta video ce l'ha fatta Ceron, che sapeva tutto sulla sua ex-squadra”.
 
Fonte: Ufficio Stampa VL