LOADING

Type to search

Orlandina, gioventù ed ambizione: arriva Iannuzzi

Luigi Liguori 2 Luglio 2016
Share

Betaland Capo d’Orlando comunica con soddisfazione di aver raggiunto un accordo con l’atleta Antonio Iannuzzi, ala grande/centro di 208 cm per 103 kg.

INFO – Nato il 21 aprile 1991 ad Avellino, Iannuzzi unisce una buona tecnica di base, la conoscenza dei movimenti di post basso a un fisico possente e reattivo. Efficace a rimbalzo in ambo le metà campo, può giocare nello spot di 4 e di 5. L’accordo sul contratto è arrivato dopo che il giocatore è stato convocato e osservato durante degli allenamenti dallo staff tecnico dell’Orlandina al PalaFantozzi di Capo d’Orlando nei giorni dal 6 al 10 giugno scorso.

CARRIERA – Muove i primi passi nel settore giovanile della Scandone Avellino, ma matura nel vivaio della Mens Sana Siena. Esordisce in A dilettanti a 19 anni con Ferentino e l’anno seguente conquista la promozione in LegaDue da protagonista con i ciociari (45 gare a 9 punti e 7 rimbalzi di media). Gioca due stagioni a Matera, 2012/13 e 2013/14, partendo in quintetto e chiudendo oltre la doppia cifra di punti realizzati in media e sfiorando la doppia doppia costante (rispettivamente nella prima 14.2 e 7.6 e nella seconda 12.6 e 7.3). Nel 2014/15 la consacrazione a Omegna in A2 Silver dove brilla e vince diverse volte il riconoscimento “Migliore del mese” della LNP grazie ai 18 punti, 7 rimbalzi e 1.3 assist di media con cui ha chiuso l’annata. Positiva anche la stagione scorsa in A2 in Piemonte, sfortunata per la Fulgor, il cui bilancio finale è: 13.7 punti, 7 rimbalzi e 2.3 assist di media in 28 gare.

DICHIARAZIONI – Coach Di Carlo: «Iannuzzi farà parte del nostro pacchetto lunghi e siamo certi che riuscirà a garantire un apporto molto importante per il raggiungimento dei nostri obiettivi stagionali. Sono oltremodo convinto che giocherà con l’atteggiamento giusto, di chi sa di avere una grande occasione per provare a diventare a tutti gli effetti un giocatore di alto livello».

Antonio Iannuzzi: «Sono arrivato a Capo d’Orlando per allenarmi a fine maggio sperando di farmi apprezzare e conoscere. Sono rimasto sin da subito molto contento dell’impatto con il club perché si vede che ha un progetto chiaro e sa dove vuole arrivare. Ho conosciuto coach Di Carlo e mi ha subito impressionato per la competenza cestistica e l’entusiasmo. Nel momento in cui mi è stata offerta l’opportunità di giocare qui mi sono subito dichiarato molto contento. È una grande chance per me, ma so che devo mettercela tutta per dimostrare che il club ha fatto la scelta giusta. Sono carico e propositivo, verrò a Capo d’Orlando per imparare e mettermi a disposizione».

Ufficio Stampa Betaland Capo d’Orlando

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1