LOADING

Type to search

Moretti: “200 persone ad un primo allenamento? Sensazioni molto positive”

Luigi Liguori 13 Agosto 2016
Share

Dalla pagine de La Prealpina a firma di Giuseppe Sciascia parla Paolo Moretti.
“Aver visto 200 persone ad un primo allenamento che non ha offerto grandi spunti di divertimento e pur senza 4 giocatori dà sensazioni molto positive: un'altra grande risposta dei nostri tifosi, ribadendo l'entusiasmo per questa squadra. E poi dalla continuità delle conferme di Cavaliero, Campani, Ferrerò e Kangur, più un elemento che conosce già l'ambiente come Ma-ynor, che mi hasubito specificato quanto ama Varese nella prima fase scarriolata.Abbiamo un nucleo di giocatori esperti del nostro campionato e della realtà, e questo ci aiuterà ad evitare un inizio con le marce basse come quello dello scorso anno. L'avvio anticipato dipende dalla necessità di prepararsi bene per la Champions Lea-gue, ma anche dalla volontà di graduare i carichi per evitare gli infortuni che lo scorso anno hanno condizionato il nostro precampionato e l'inizio della stagione. Abbiamo previsto un precampionato molto ricco di partite, anche a Varese, per evitare di commettere gli errori dello scorso anno in pre-stagione: le tante partite ravvicinate, compresi i tornei da2 giorni, vanno nella direzione di abituarci al tour de force che ci aspetterà da settembre a gennaio. L'obiettivo è quello di essere pronti fisicamente e tecnicamente per l'esordio del 27 settembre”

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1