LOADING

Type to search

Milano espugna il PalaCarrara e batte una Pistoia mai doma. Esordio ok per Batista

Share

Il primo tempo meneghino da 9/12 dall’arco per il +16 di vantaggio non spaventa un’orgogliosa Pistoia, ammirevole a non arrendersi nonostante l’infortunio alla spalla di Moore dopo 1 minuto e 30 circa di gara. Nel terzo quarto l’EA7 (senza Gentile e Kalnietis, Barac fuori dai 12) pasticcia in attacco e difende senza intensità, quindi i toscani, spinti da un gremito PalaCarrara, portano avanti un parziale di 16-0 all’interno di una frazione da 29-13. A vincere 85-80, però, è una Milano capace di fare la voce grossa nei momenti cruciali dell’incontro per riprendersi la vetta della classifica. Positivo esordio con le Scarpette Rosse per il lungo Batista, autore di 11 punti e del rimbalzo offensivo decisivo (poi convertito in 2 tiri liberi); 22 punti, invece, per un infuocato Simon (6/10 da 3) e 15 per un notevole Lafayette. Dall’altra parte ci sono 17 punti e 10 assist per Knowles, 17 di Blackshear e 16+7 rimbalzi di Czyc.

 

PRIMO TEMPO

Per Pistoia l’avvio di gara è un incubo con il 9-1 (primi punti per Batista, partito in quintetto, con Milano) dell’EA7 e l’infortunio alla spalla di Moore (sospetta lussazione), uscito dolorante dal campo dopo 1’30’’ dalla palla a due. Lombardi prova a scuotere i suoi bucando la retina dall’arco dal palleggio, Knowles scrive 2 ma l’Olimpia continua ad essere cinica e letale in fase offensiva: nel giro di 1 minuto, infatti, Simon mette tre triple consecutive, Cinciarini segna e la Giorgio Tesi Group è sotto 8-22 a 3’50’’ dalla fine del primo periodo. Nel finale di quarto esce fuori l’orgoglio dei toscani: realizzano Mastellari, Knowles, Antonutti e ancora Knwoles, che ricuce lo svantaggio a -6 (21-27) dopo 10’ esatti.

McLean si iscrive al match, Jenkins ha già 3 falli e i primi minuti della seconda frazione sono un susseguirsi di mini-parziali di 4-0 da parte di entrambe le squadre. Dopo i guizzi di Blackshear, con Pistoia a corto di risorse, ci pansa Lafayette ad ispirare i suoi, poi Sanders, nonostante una difesa da rivedere, firma il 47-33 (massimo vantaggio) e il solito Simon scaglia la sua quinta tripla che fa volare l’EA7 sul 50-34 all’intervallo. 9/12 dall’arco per la truppa di coach Repesa dopo 20’.

SECONDO TEMPO

Nei primi 2’ il duello Czyc-Simon infiamma il PalaCarrara e gli ospiti vanno sul 55-38. Milano, però, inizia a distrarsi in difesa e la Giorgio Tesi Group ne approfitta nel migliore dei modi: segna a ripetizione Czyc, si scalda Blackshear, l’EA7 perde qualche pallone di troppo e in un battito di ciglia il parziale dei toscani si allunga fino ad uno straordinario 16-0 (55-54 per i meneghini). La penetrazione di Lafayette e l’appoggio di Macvan svegliano l’Olimpia, risponde Knowles per il -3 e Antonutti, aiutato dalla difesa degli ospiti, permette ai suoi di mettere la testa avanti dopo un antisportivo di Lafayette. A chiudere il favoloso terzo quarto pistoiese ci pensa Kirk con la “bomba” dall’angolo allo scadere: 63-63 il punteggio alla fine del penultimo periodo.

L’Olimpia aumenta l’intensità in difesa e piazza un conseguente break di 8-0 (Batista, Macvan e Lafayette) cha vale il 73-63. Antonutti segna da 3 e Pistoia non molla con il 6-0 innescato da Blackshear, il vero faro offensivo dei toscani. Poco dopo Sanders schiaccia e McLean fa lo stesso dopo un recupero difensivo, quindi Milano si appropria dell’inerzia con 6 lunghezze a favore; a 1’10’’ dalla sirena, però, Knowles segna un canestro incredibile in penetrazione e il PalaCarrara si infiamma, Simon non trema dalla lunetta, risponde Kirk in tap-in (-3) e l’azione decisiva premia la truppa di coach Repesa: Lafayette sbaglia da 3 e Batista prende un ottimo rimbalzo offensivo, subisce fallo e fa 2/2 dai liberi. Vincono i lombardi 85-80.

 

Giorgio Tesi Group Pistoia – EA7 Emporio Armani Milano 80-85 (21-27, 13-23, 29-13, 17-22)

Pistoia: Knowles, Blackshear 17, Czyc 16, Kirk 13, Antonutti 9

Milano: Simon 22, Lafayette 15, Batista 11, McLean 10.

Fabrizio Fasanella