LOADING

Type to search

Lydeka a Sassari: “Qui per dare il massimo”

Luigi Liguori 14 Agosto 2016
Share

Il lungo biancoblu è arrivato in città con la famiglia e si è subito messo al lavoro in attesa dell’inizio della stagione

Dopo Diego Monaldi anche Tautvydas Lydeka è arrivato in Sardegna: il centro lituano è sbarcato in città ieri con la famiglia, qualche giorno in anticipo rispetto alle date fissate per l’inizio delle visite mediche. In attesa dello start della stagione Tautvydas ha voluto vedere la città, rimanendo subito colpito dall’ambiente familiare che lo ha accolto: “Sassari è davvero un posto meraviglioso, ho trovato un clima magnifico e la città mi sembra davvero carina. Spero di avere modo di visitarla con calma”.

La scelta di vestire la maglia Dinamo è stata semplice per il lungo ex Cantù e Pesaro: “Ho scelto Sassari perché sapevo di trovare una bella piazza dove poter lavorare, una squadra e una società che sono cresciute tanto negli ultimi anni, che hanno saputo raggiungere grandi risultati con un basket fresco e divertente. La possibilità di giocare in un’ottima squadra, con compagni competitivi e ambiziosi mi ha spinto ad accettare questa proposta: non è stato difficile scegliere di venire qui”.

La stagione è ormai alle porte e si annuncia intensa e carica di sfide: “Spero di vivere una grande stagione con i miei compagni, non solo in campionato ma anche in coppa. L'idea di disputare nuovamente una competizione europea mi stimola molto. A livello personale voglio dare il massimo per aiutare la squadra a centrare obiettivi importanti”.

Appena arrivato in città Tautvydas si è subito recato in palestra per allenarsi, nonostante arrivasse da una settimana di duro allenamento a Pesaro “Voglio farmi trovare a buon punto con la preparazione, voglio essere pronto! _ha spiegato_ In palestra ho incontrato il capitano Devecchi: conoscevo Jack da avversario, sono contento di giocare in squadra con lui. Mi ha fatto un’ottima impressione e mi è sembrato un bravo ragazzo. Si  è dimostrato subito molto cordiale e mi ha spiegato qualcosa sulla società e sul team. Ho trovato un ambiente davvero amichevole, sono tutti molto gentili”.

Insieme a Tautvydas sono arrivati anche la moglie e i suoi due figli di 7 e 4 anni: “I bambini sembrano già a loro agio, a settembre inizieranno la scuola. In questi giorni vogliamo visitare qualche spiaggia e godere del vostro splendido mare. Siamo già stati a Stintino, nella spiaggia della Pelosa: meravigliosa! Questo è un posto magnifico dove vivere!”

Sassari, 14 agosto 2016

Fonte: Ufficio Stampa Dinamo Banco di Sardegna

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1