LOADING

Type to search

La Dinamo Sassari supera la Virtus Bologna grazie a un eccellente quarto periodo

Fabrizio Fasanella 11 febbraio 2018
Share

Vittoria! La Dinamo Banco di Sardegna trova la vittoria sulla Virtus Bologna grazie a una prova di cuore e intensità. In un match dominato dalle V nere a partire dalla prima frazione, la chiave di volta si ha nella terza frazione: dopo aver toccato il -16 e essere andati a riposo con la magia di Hatcher da oltre metà campo i giganti rientrano in campo con il fuoco negli occhi. Quando coach Pasquini è costretto ad abbandonare la panchina per il secondo tecnico sanzionato, la squadra fa quadrato e risponde con energia e cattiveria. I biancoblu mettono a segno la rimonta condotti da Scott Bamforth (16 pt, 3 as), Will Hatcher (17 pt), Shawn Jones (7 pt, 11 rb), Darko Planinic (10 pt) e Achille Polonara (8 pt, 5rb). Il break di Jonathan Tavernari scrive il sorpasso e fa esplodere il PalaSerradimigni. Il Banco non sbaglia l’approccio negli ultimi 100’’ secondi e gestisce con intelligenza il vantaggio.

Prima della sosta per Final Eight e finestra dei Fiba Qualifiers i sassaresi mettono in cassaforte una vittoria di cuore e attributi, di reazione alle difficoltà che vale tanto in termini di entusiasmo ed energie.

4°giornata di ritorno LBA. Prima della sosta tra Final Eight e finestra Fiba Qualifiers la Dinamo Banco di Sardegna affronta in casa la Virtus Bologna.

La sfida. Coach Pasquini manda in campo Spissu, Bostic, Bamforth, Pierre e Polonara, coach Ramagli risponde con A.Gentile, Baldi Rossi, Lafayette, Aradori e Slaughter. La Virtus parte forte siglando un break di 5 punti con A.Gentile e Aradori. I sassaresi si sbloccano con Bostic e Bamforth e si riportano a -1: due palle perse permettono alle V nere di mettere la testa avanti. Reazione biancoblu con il break firmato Spissu e Polonara: la schiacciata in contropiede di Pierre inchioda l’11 pari. Bologna si porta in vantaggio con A.Gentile e Aradori (11-15). Nella seconda frazione gli ospiti mettono a segno un break di 5 punti, Hatcher si iscrive a referto ma le V nere proseguono la loro corsa con Lawson e Aradori. Botta e risposta dall’arco tra Bamforth e Lafayette: Gentile e Aradori conducono la Virtus. La preghiera di Hatcher manda le squadre negli spogliatoi sul punteggio di 25-38. Al rientro dall’intervallo lungo Darko Planinic fa sentire i muscoli nel pitturato: il centro croato infila 8 punti nei primi 5’ del terzo quarto. Coadiuvato da Polonara dalla lunga distanza, i biancoblu firmano il -5. I sassaresi si caricano di falli: il secondo tecnico a coach Pasquini lo costringe a lasciare la panchina. A guidare il Banco c’è l’assistant Baioni: i giganti continuano la rimonta. Lawson trascina le V nere, ma Tavernari non ci sta e accorcia. Il coast to coast con l’appoggio al vetro di Hatcher dice 50-57 al 30’. Il PalaSerradimigni è una bolgia. Hatcher in lunetta prosegue la striscia aperta a fine terzo quarto, il canestro and one di Jones sigla il -4. Gentile allunga ma i sassaresi sentono l’odore del sangue: ancora Jones dalla media. Poi break di Tavernari per il -1. La bomba del numero 45 fa esplodere il PalaSerradimigni: per la prima volta il Banco mette la testa avanti con 5’26’’ da giocare. La Dinamo piazza il break e si porta fino a +8, con Bamforth, Pierre e Jones. Bologna accorcia con Gentile ma Hatcher sigla il +10. Due palle perse sanguinose permettono ai fratelli Gentile di riportare la Virtus a -6 con due contropiede facili. Ci vuole parlare su Baioni: Stipcevic mette in cassaforte altri due punti dalla lunetta quando sul cronometro restano 26’’. Tripla di Lafayette per i bianconeri che non si arrendono: ancora Stipcevic in lunetta a monetizzare il fallo di Umeh. Il play croato non sbaglia e scrive il +7. I secondi scorrono, i liberi di Spissu mettono definitivamente in cassaforte la vittoria biancoblu: la stoppata di Bostic a Gentile chiude il match. La Dinamo si impone 82-74.

Dinamo Banco di Sardegna 82 – Virtus Bologna 74

Parziali: 11-15; 14-23; 25-19; 32-17.

Progressivi: 11-15; 25-38; 50-57; 82-74.

Banco di Sardegna. Spissu 3, Bostic 4, Bamforth 16, Planinic 10, Devecchi, Pierre 4, Jones 7, Stipcevic 6,  Hatcher 17, Polonara 8, Picarelli, Tavernari 7. All. Federico Pasquini.

Virtus Bologna. A.Gentile 19, Umeh 8, Pajola, Baldi Rossi 5, Ndoja, Lafayette 7, Aradori 8, S.Gentile 13, Lawson 11, Slaughter 3. All. Alessandro Ramagli.

 

Fonte: Ufficio Stampa Dinamo Sassari 

Tags:
Fabrizio Fasanella

Nasce a Milano, dove vive tuttora, l’1 Novembre del 1996. Studia comunicazione e società all’Università degli Studi di Milano dopo cinque anni di liceo delle scienze umane opzione economico-sociale all’Istituto Tenca. Gioca a basket dalla terza elementare alla quinta superiore, girando diverse società milanesi e dell’hinterland. Appassionato ed esperto della stella dei Nuggets Danilo Gallinari, nel 2010 apre una pagina Facebook a lui dedicata che gli permette di farsi notare e di avere la possibilità di unire le sue due più grandi passioni: la pallacanestro e la scrittura giornalistica. All’inizio della stagione 2012-13 comincia a pubblicare i primi articoli sull’Olimpia Milano per ScoutingCenter.net (la “vecchia” versione di The Basketball Post) e già nel 2014, a 18 anni nemmeno compiuti, ha l’opportunità di vivere da giornalista accreditato le Final Four di Euroleague a Milano e le finali scudetto (nei match al Forum d’Assago) tra l’Olimpia e la Mens Sana. Verso la fine del 2014 diventa, tra le altre collaborazioni, vice responsabile di Redazione del sito assieme ad Alessandra Conti. Su Facebook lo trovate sulla pagina “Fabrizio Fasanella’s Basketball Articles”. I suoi giocatori preferiti di sempre sono il già citato ‘Gallo’, Ray Allen, Kobe Bryant, Vassilis Spanoulis, Manu Ginobili e Sasha Djordjevic. Sul web scrive anche di benessere e sport all'aria aperta.

  • 1

You Might also Like