LOADING

Type to search

Jamelle Hagins è un nuovo giocatore della Reyer Venezia

Luigi Liguori 16 Luglio 2016
Share

L’Umana Reyer è lieta di annunciare ufficialmente l’ingaggio di Jamelle Hagins, centro di 206 cm, nato il 19 ottobre 1990 a Roanoke (Virginia, USA).

Formatosi, a livello di college NCAA, dal 2009 al 2013 all’Università del Delaware, ha fatto registrare le migliori medie nella stagione 2011/12 (12,4 punti e 11,1 rimbalzi). Tre volte inserito nel miglior quintetto difensivo (2011, 2012 e 2013), nell’ultima stagione in NCAA è stato eletto Difensore dell’Anno della conference Colonial Athletic Association. Con la sua Università ha segnato oltre 1000 punti e catturato più di 1000 rimbalzi. Ad oggi è il detentore del record di rimbalzi e stoppate della storia dell’Università di Delaware.

È arrivato in Europa nella stagione 2013/14, a Roanne, giocando in Francia fino a febbraio 2014, quando è tornato negli Stati Uniti per vestire la maglia dei Rio Grande Valley Vipers, in D-League. Torna nel nostro continente, questa volta in Grecia, nel 2014/15, chiamato dal Kolossos Rodi (9,5 punti e 6,1 rimbalzi di media per lui), prima di trasferirsi, lo scorso anno, all’Aris di Salonicco, con cui ha raggiunto le Last 32 di Eurocup (15 punti e 8 rimbalzi contro l’EA7 Olimpia Milano). Nelle 25 partite di stagione regolare del campionato greco e nelle 16 della coppa europea, Hagins ha mantenuto medie pressoché identiche: 10 punti (10,2 in campionato) e 5,5 rimbalzi.

“Sono davvero emozionato ed eccitato di venire a giocare per una realtà importante come l’Umana Reyer e una città meravigliosa qual è Venezia – le parole di Hagins – colgo l’occasione per ringraziare la Società che mi ha seguito durante tutta la stagione e mi ha voluto fortemente. Sono cresciuto guardando foto e video della città, ho qualche amico che c’è stato e non vedo l’ora di viverla, giocare a basket per Venezia è un sogno che si realizza.

Non vedo l’ora di incontrare coaching staff, compagni e conoscere l’ambiente dell’Umana Reyer. Ho guardato alcune partite dei playoff dell’Umana Reyer e sono rimasto impressionato sia dalla squadra sia dall’ambiente del Taliercio. Adoro giocare in un palazzetto caldo come quello dell’Umana Reyer, non vedo l’ora di incontrare i miei nuovi sostenitori. Del club orogranata ho sentito solo cose positive e sono sicuro che diventerò anch’io un ambasciatore dell’Umana Reyer.

Come giocatore pretendo tanto da me stesso, voglio sempre dare il meglio per la squadra perché adoro vincere e la fame di successo accompagnerà tutta la mia carriera. So anche che il coach e i miei compagni hanno una mentalità vincente e non vedo l’ora di mettermi a loro disposizione. Affronteremo una partita alla volta lavorando intensamente in allenamento, ritengo che il duro lavoro e la mentalità vincente siano le chiavi del successo nello sport come nella vita, bisogna essere sempre affamati.

Un saluto a tutti i sostenitori dell’Umana Reyer, non vedo l’ora di incontrarvi e di iniziare insieme a voi la stagione, ci vediamo ad Agosto!”

Fonte: Ufficio Stampa Reyer Venezia 

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1