LOADING

Type to search

Forray e Trento insieme per altre tre stagioni

Luigi Liguori 1 Agosto 2016
Share

Dolomiti Energia Basket Trentino annuncia di aver raggiunto un'intesa con Andrés Pablo “Toto” Forray, in base alla quale il play e capitano della squadra aquilotta rimarrà a Trento anche per le prossime tre stagioni. L'accordo è stato firmato nei giorni scorsi dalla point guard argentina (che in serie A gioca con la nazionalità sportiva italiana) e dal presidente del club di Piazzetta Lunelli Luigi Longhi.
Nato a Buenos Aires trent'anni fa, Toto arriva in Italia nel 2003: dopo le esperienze a Messina, Padova, Jesolo San Donà e Forlì, viene ingaggiato nel febbraio 2011 da Trento, guadagnando da subito la completa fiducia sia della società che della piazza per le sue doti tecniche (17,1 di media nelle prime 9 gare disputate in maglia bianconera nel campionato di A dilettanti) ed umane. Doti che negli anni successivi gli permettono di guidare Aquila Basket alla conquista di due promozioni (10,3 di media nell'anno del passaggio in LegaDue, 9,9 in quello dell'approdo in Serie A), contribuendo poi in modo determinante pure allo storico quarto posto ottenuto dal team bianconero nel suo primo anno nella massima serie, e all'approdo fino alla semifinale di Eurocup nella prima esperienza europea della Dolomiti Energia.
In poco meno di sei stagioni Forray ha disputato con i colori bianconeri 218 incontri, siglando 1.674 punti complessivi, 1.511 dei quali messi a segno nelle 196 presenze di campionato (68 quelle nella massima serie a 5,2 di media). I restanti 163 punti Toto li ha segnati nei 22 match giocati quest'anno di Eurocup (7,4 di media a sera, con un career high di 16 nella vittoria contro i campioni di Turchia del Pinar Karsiyaka). 

Fonte: Ufficio Stampa Aquila Basket Trento

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1