LOADING

Type to search

Coach Recalcati dopo la sconfitta: “Toccato con mano che non siamo ancora ad un livello superiore”

Share

Così Charlie Recalcati, allenatore della Reyer, ha analizzato in sala stampa la sconfitta della sua Reyter contro Milano: “Abbiamo giocato una pessima partita. La cosa importante in queste occasioni, quando si gioca così, è fare in modo che non passi indolore. In questi match abbiamo le possibilità di sbattere la faccia contro il muro. Queste gare devono servirci per farci capire che così non siamo competitivi, così subiamo: concediamo troppo ai nostri avversari, Milano ha segnato col 70% dentro l’area e preso molti più rimbalzi di noi. La nostra intenzione è quella di alzare sempre di più l’asticella per obiettivi ambiziosi ed è chiaro che usciamo da incontri del genere con le ossa rotte, tocchiamo con mano che non siamo ancora a questo livello. Il fatto di avere avuto buone percentuali all’inizio ci ha fatto esagerare, dobbiamo avere più equilibrio e non esagerare col tiro da tre. Sto esaminando questa gara, non voglio dire che il nostro percorso è negativo; solo che questi match ci fanno capire se stiamo crescendo o meno e i nostri demeriti questa sera sono stati tanti. L’assenza di Ress, per noi che non abbiamo tanti lunghi, è stata chiaramente pesante perché la nostra squadra è in qualche modo costruita attorno a lui. Pensiamo di prendere un giocatore? La necessita dice di sì, ma Ress è italiano, starà fuori quattro settimane e possiamo sostituirlo solo con un italiano. Vedremo se saremo nelle condizioni di prenderlo e noi non abbiamo intenzione di prendere qualcuno soltanto per il gusto di prenderlo. Per ora chi c’è deve dare di più”.