LOADING

Type to search

Caserta completa il roster. Firmato Mitchell Watt

Luigi Liguori 13 Agosto 2016
Share

La Juvecaserta Pasta Reggia comunica di aver contrattualizzato per la prossima stagione sportiva il giocatore Mitchell Watt, ala/centro di 208 cm. Nato a Goodyear il 14/12/1989, dopo l’High School nella città natale, si è iscritto alla Buffalo University con la cui maglia ha disputato il campionato NCAA. Componente fisso del quintetto iniziale, nell’ ultima stagione universitaria  ha disputato 28 partite con una media di 16,4 punti e 7,5 rimbalzi a gara (58,5% da 2, 33,3% da 3, 74,1% ai liberi). Dopo la partecipazione al  Portsmouth Invitational Tournament ed alla Summer League di Las Vegas, nel 2012 ha firmato un contratto con la formazione dell’ Altshuler Saham Gabil Gilboa partecipando al massimo campionato israeliano (27 partite con una media di 9,7 punti e 5 rimbalzi) ed alla Balkan League (12 partite, 11,3 punti e 6,6 rimbalzi). È rimasto in Israele anche la stagione successiva (2013/14), ma all’Ironi Nes-Ziona con cui ha disputato 34 gare con una media di 13,4 punti e 6,6 rimbalzi. Dopo la Summer League di Las Vegas con la maglia dei Golden State Warriors (5 partite, 6 punti e 5,6 rimbalzi) ha partecipato alla pre-season della stessa franchigia Nba prima di passare in D-League con i Santa Cruz Warriors. A dicembre 2014 è tornato all’Ironi Nes-Ziona in Israele con cui ha disputato 23 partite (15,3 punti e 7,4 rimbalzi in media). La scorsa stagione, dopo la partecipazione alla Summer League di Las Vegas con la maglia dei Toronto Raptors, ha firmato con l’Alba Berlino con cui ha disputato 23 partite di campionato (6,7 punti e 4,9 rimbalzi) e 18 di Eurocup (6,3 punti e 4,1 rimbalzi di media). A marzo ha lasciato il campionato tedesco ed è ritornato in Israele all’Ironi Nes-Ziona con cui ha preso parte a 12 gare di campionato (11,4 punti e 6,9 rimbalzi).
«A sole ventiquattr’ore dall’annuncio di Edgar Sosa – commenta il dr. Francesco Fulco della Fortune Investment & Consulting – , siamo già pronti per un altro innesto che va a completare un settore nevralgico della squadra, qual è quello dei lunghi. La conclusione delle tante trattative allacciate dallo staff societario,  che abbiamo attivamente seguito nelle varie fasi, nel mentre rendono merito all’ottimo lavoro delle varie componenti del club, confermano la volontà condivisa di allestire una formazione in grado di soddisfare le nostre aspettative e quelle dei nostri tifosi».
«Mitchell – osserva coach Sandro Dell’Agnello – è un lungo che, a dispetto dei centimetri, ha buone doti di dinamismo e mobilità; doti che lo rendono un giocatore molto interessante sul piano tattico. Sa giocare a pallacanestro ed ha già fatto esperienze importanti in Europa. Un giocatore che crediamo sia ideale per completare il nostro reparto lunghi».
Sulla stessa lunghezza d’onda anche il direttore sportivo, Antonello Nevola: «Con Watt completiamo il nostro settore lunghi. Mitchell è un  giocatore con esperienza europea che si incastra bene con le caratteristiche tecniche degli altri lunghi della nostra formazione. Lavoreremo nei prossimi giorni al completamento del roster per avere una squadra solida e che possa appassionare i nostri tifosi».

Fonte: Ufficio Stampa Juve Caserta

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1