LOADING

Type to search

Capo d’Orlando difende e vince contro Venezia 55-53

Share

Come nella passata stagione il campo di Capo d’Orlando si conferma tabù per l’Umana Reyer che esce sconfitta al termine di una partita contraddistinta da un punteggio atipicamente basso. Una gara nella quale gli orogranata si perdono permettendo ai padroni di casa di trovare fiducia e di aggiudicarsi un finale punto a punto.

Il primo canestro è una tripla orogranata. Poi due liberi di Owens valgono lo 0-5. Ancora Owens da sotto ed è 0-7. Capo D’Orlando si sblocca ed è ancora il centro orogranata ad andare a bersaglio (4-13). La tripla di Basile galvanizza l’ambiente ma subito risponde il capitano orogranata (7-15). I siciliani risalgono fino al -4 ma una tripla orogranata più canestro dalla lunga del debuttante Savovic chiudono la prima frazione sul 10-20 per gli orogranata.

Di Savovic , che va a catturare il rimbalzo in attacco, è anche il primo canestro reyerino della seconda frazione (12-22). Ma si segna poco su entrambi i fronti e il punteggio resta a lungo inchiodato. La panchina orogranata chiama time out quando Bowers infila il contropiede del 16-22. “Vi vogliamo così” canta il pubblico siciliano che dimostra di apprezzare lo spirito della propria formazione. L’Umana realizza il suo secondo canestro dopo 6’30” (16-24). Sbloccata la situazione va a bersaglio anche Goss ed è 18-26 con il canestro che chiude le marcature della seconda frazione.

Ad aprire la terza frazione è l’immediato alley opp di Green per Owens (18-28). Poi l’Umana sale a più 12 grazie alla penetraIone del play statunitense. Ma il massimo vantaggio viene subito ridotto dalla tripla dei padroni di casa. Grazie ai liberi i siciliani risalgono fino al -9 poi Goss regala due assist a Savovic che subisce anche fallo e realizza i 5 punti di fila del 23-37 a metà del quarto. Si torna a far fatica a segnare su ambo i fronti e gli arbitri decidono di soprassedere su alcuni contatti duri. A sfruttare la situazione sono i siciliani che risalgono sul 31-37 a meno di 2′ dalla terza sirena galvanizzando tutto l’ambiente. Nonostante il time out orogranata continua il break di Capo d’Orlando che va sul 33-37. A sbloccare l’Umana è ancora il neo arrivato Savovic con due liberi ma l’ultimo canestro del quarto è dei padroni di casa che fissano il punteggio sul 35-39.

Green realizzai due liberi che inaugurano l’ultima frazione dando un attimo di respiro alla Reyer ma i siciliani rispondono con tripla e canestro da sotto in transizione per il 40-41. Il pareggio lo realizza il rientrante Jasaitis, già protagonista nella gara d’andata, che infila la tripla del 43 pari. Gli orogranata accusano il colpo e subiscono anche il contropiede con fallo che porta la gara sul 45-43 che galvanizza tutto l’ambiente. Goss rimette le cose in parità poi Owens dalla lunetta fa 45-46 riportando avanti gli orogranata a 5′ dal termine. Si segna sempre con il contagocce e a 3’45” dalla fine è i nuovo parità. Goss infila la tripla del 47-50 e Ress quella del 49-53 a 2’50” dal termine. Ma Capo d’Orlando non molla e costringe l’Umana ad esaurire il bonus. Laquintana realizza così i due liberi del -2. Gli arbitri invertono una decisione già presa su un possesso e rimettono nelle mani dei siciliani la palla del 53 pari sul quale si arriva all’ultimo minuto. Laquintana va in lunetta a 7″ dalla fine e fa due su due. Nonostante il time out l’ultimo tiro non frutta nulla all’Umana Reyer che cade sconfitta.

Fonte: Ufficio Stampa Reyer Venezia