LOADING

Type to search

Cantù compie l’impresa ed espugna Sassari 78-86

Share

BANCO DI SARDEGNA SASSARI 78

ACQUA VITASNELLA CANTU’ 86

(19 – 25, 43 – 45, 57 – 68)

 

BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Haynes 6, Mitchell 8, Logan 9, Pompiano n.e., Formenti, Devecchi, Alexander 27, D’Ercole n.e., Sacchetti 4, Stipcevic 16, Eyenga 2, Varnado 6. All. Calvani.

ACQUA VITASNELLA CANTU’: Ukic 17, Abass 12, Heslip 18, Zugno n.e., Wojciechovski, Cesana, Johnson 8, Tessitori 4, Fesenko 20, Hodge 7. All. Bazarevich.

 

Arbitri: Taurino, Sabetta, Paglialunga

Grande impresa quella portata a termine dall’Acqua Vitasnella Cantù sul campo del Banco di Sardegna Sassari, al termine di un incontro mai scontato. Dopo un primo tempo perlopiù equilibrato, infatti, i canturini riescono a scappare durante la terza frazione di gioco e mantengono sempre nelle loro mani le redini della gara, portando a casa un successo più che meritato.

Inizio in salita per l’Acqua Vitasnella Cantù, che dopo l’1/2 di Fesenko ai liberi, è costretta a subire i quattro punti firmati da Logan e Eyenga. Fesenko schiaccia su assist di Ukic, ma i padroni di casa provano a scappare con la tripla di Haynes e il tap-in di Varnado (9-3 al 3’). Cantù non ci sta e, grazie all’ennesima schiacciata di Fesenko e ai due contropiede consecutivi capitalizzati da Abass e Ukic, impatta sul 9-9 di metà frazione. Johnson segna da sotto per il primo vantaggio esterno, vantaggio incrementato dalla tripla di Hodge e dal canestro sotto il ferro di Fesenko. Sassari prova a farsi sentire con il tiro dalla distanza di Alexander, ma gli ospiti sono pronti a rispondere con i centri di Ukic e Johnson (12-20 al 8’). Mitchell realizza dall’area, Fesenko schiaccia per il suo nono punto personale, poi si corre dall’altra parte del campo, dove Alexander risponde con un’altra schiacciata. Ukic è preciso dalla lunetta e mette a segno i 3 liberi a disposizione, ma Logan riavvicina subito il Banco di Sardegna con una tripla a una manciata di secondi dalla sirena, fissando il punteggio al 10’ sul 19-25.  

Il secondo periodo si apre con il tiro dall’area di Alexander, seguito dalla pronta replica di Abass, che capitalizza un gioco da 2+1, e dalla schiacciata di Tessitori su assist di Ukic per il +9 esterno. Alexander realizza nuovamente dall’area, sbaglia il tiro libero aggiuntivo ma conquista il rimbalzo e schiaccia il suo undicesimo punto personale (25-30 al 13’). L’Acqua Vitasnella si riporta avanti con Ukic, ma Stipcevic segna dalla distanza sullo scadere dei 24” e riavvicina Sassari a -4. E’ Brady Heslip a ristabilire le distanze con la tripla del 28-37; Sacchetti recupera il rimbalzo offensivo e segna da sotto, poi Johnson schiaccia per l’ennesimo +9 canturino. Fesenko risponde immediatamente ai due punti di Stipcevic, poi i padroni di casa si fanno pericolosamente vicini grazie a Stipcevic e Varnado (36-41 al 17’). Ci pensa Fesenko a riallungare il passo dell’Acqua Vitasnella, coronando con una schiacciata l’assist di Heslip. Sassari prova a rientrare grazie alla bomba di Haynes; Abass segna da sotto ma sbaglia il tiro libero, e Haynes concretizza il possesso dei sardi segnando per il 41-45 a due minuti dal termine. Alexander è preciso dalla lunetta, segnando i due liberi che portano gli isolani a -2 e mandando le due squadre negli spogliatoi sul risultato di 43-45. 

Al rientro in campo Sassari trova il pareggio con Mitchell, ma l’Acqua Vitasnella riprende immediatamente le redini del gioco grazie a Hodge, Fesenko e Johnson (45-50 al 22’). Ukic allunga ulteriormente il vantaggio dei bianco-blù, Alexander risponde con un arresto e tiro, ma Heslip si alza dall’area e insacca la bomba del +8 esterno (47-55 al 25’). Mitchell finalizza il contropiede innescato dai sardi, ma Cantù vola a +11 sulle ali di un Heslip in versione cecchino e grazie alla schiacciata di Tessitori su assist di Ukic. E’ sempre il play canturino a servire nelle mani di Hodge la tripla del 49-63, poi Fesenko fa 2/2 dalla lunetta. Sassari sblocca il suo digiuno grazie a un mini-break di 6-0 e rientra a -10; i canturini capitalizzano con Abass, ma è Alexander a firmare l’ultimo canestro della frazione e a portare il risultato sul 57-68. 

L’Acqua Vitasnella riparte forte nell’ultimo periodo, con i quattro punti conquistati da Ukic e Fesenko, intervallati dal canestro del solito Alexander. Sassari perde palla e Heslip ne approfitta per insaccare la bomba del +16 esterno; Stipcevic capitalizza il tiro libero arrivato per fallo tecnico a Fesenko, poi Alexander realizza cinque punti consecutivi che riaprono i giochi al 34’. I padroni di casa rientrano prepotentemente grazie alle due triple consecutive di Stipcevic e riagganciano Cantù a -4 (71-75 al 36’). Fesenko realizza solo uno dei due liberi a disposizione, ma Abass conquista il rimbalzo e serve a Heslip l’assist per la tripla del +8 esterno che permette all’Acqua Vitasnella di uscire da una pericolosa apnea. Anche Ukic si unisce alla reazione canturina e segna dall’area il suo diciassettesimo punto personale, poi è ancora Heslip dall’area ad aumentare le distanze sul +13 a due minuti dal termine della gara (71-84). Sassari si riavvicina a -8 sfruttando i tiri dalla lunetta, ma capitan Abass si alza forte dall’area e ricaccia a -10 i padroni di casa quando manca solo un giro di lancetta alla fine. Il tiro di Sacchetti dall’area arriva troppo tardi per Sassari, che è costretta ad arrendersi alla bellissima prova di forza dell’Acqua Vitasnella Cantù sul punteggio finale di 78-86.

Fonte: Ufficio Stampa Acqua Vitasnella Cantù