LOADING

Type to search

Beko Final 8: la favola di Avellino continua. Anche Reggio Emilia si arrende

Share

Il momento di fiducia della Sidigas (otto vittorie di fila contando le ultime sette in campionato) va avanti e quest’oggi, nella terza gara dei quarti di finale di Coppa Italia, la vittima è una Reggio Emilia palesemente in difficoltà dal punto di vista della salute fisica dei suoi giocatori. La spallata decisiva degli irpini arriva nella terza frazione grazie ad una serie di piccoli parziali non vistosi ma a dir poco letali. Nel quarto periodo, invece, ci pensa Ragland a mettere definitivamente in archivio la pratica Grissin Bon. Da applausi Veikalas con 21 punti con 4-4 da due e 4-5 da tre.

 

PRIMO TEMPO

De Nicolao segna da 3 e pareggia i conti dopo il break di 5-0 della Scandone; Nunnally dalla lunetta e Green (con una delle sue triple dal palleggio) riportano Avellino avanti, poi Golubovic scrive 2 in tap-in e Polonara realizza col contatto. Reggio sorpassa grazie alla difesa che produce il contropiede chiuso da Della Valle, Green buca di nuovo la retina dall’arco (13-11 Sidigas) e un infuocato Polonara produce un 7-0 tutto suo: 18-13 Grissin Bon, timeout chiesto da coach Pancotto. In uscita dal minuto Veremeenko si butta dentro e sigla il +7, Silins risponde con eleganza a Buva, Veikalas ricuce e la truppa di coach Menetti è avanti 22-17 dopo 10’.

Della Valle fa centro dalla lunga distanza per il 25-17 e Nunnally e Buva provano a scuotere gli irpini, che replicano colpo su colpo ai tentativi di allungo dei reggiani (27-24 il punteggio dopo 14’). Il buon momento di Veikalas prosegue con un gioco da tre punti e Ragland, penetrando nella morbida difesa di Reggio Emilia, pareggia i conti con un 2+1 costringendo coach Menetti a chiamare timeout. Successivamente Veikalas e Gentile mostrano la loro ottima mano dall’arco (33-33) e a questo punto si apre un ottimo momento della compagine avellinese: Ragland scrive 3, Leunen schiaccia spinto dall’aggressività difensiva dei suoi e di nuovo Ragland vola in contropiede per il +7 a 2’16’’ dalla fine del primo tempo. Nel finale la Grissin Bon mostra l’orgoglio con Kaukenas e il punteggio all’intervallo dice 44-39 per gli irpini.

 

SECONDO TEMPO

Dopo un paio di minuti scarsi di digiuno offensivo è Golubovic a sbloccare il punteggio, Polonara risponde alla tripla di Nunnally con la sua stessa moneta, Acker allunga con quattro punti consecutivi e Nunnally fa esplodere i tifosi campani presenti al Forum con la tripla del 54-46. Il break della Scandone continua con Cervi ed è chiuso da un facile appoggio di Golubovic e da Kaukenas in uscita dal timeout. E’ di Silins il -3 Grissin Bon a 2’ dal termine del penultimo quarto, Veikalas, Buva e Ragland però tranquillizzano coach Sacripanti con il +9 (massimo vantaggio)

La zona reggiana sembra non fare effetto visto che Leunen e Buva fanno volare la Scandone a +12, dall’altra parte Kaukenas e Veremeenko ci provano, Ragland riporta Avellino con la doppia cifra di vantaggio e Gentile fa rimanere in vita la Grissin Bon con la tripla del -8. I ragazzi di coach Sacripanti muovono bene la palla e Veikalas firma il +11 dalla lunga distanza, la Grissin Bon però non molla prima con Della Valle e Veremeenko e poi con un rapido 5-0 di Gentile e Aradori: solo 4 lunghezze a favore degli irpini, che poi tornano saldamente avanti grazie alla pesante tripla di Ragland in uscita dal timeout. Di nuovo il playmaker ex Cantù e Milano si carica sulle spalle i suoi con 2 liberi e un canestro a dir poco complesso buttandosi dentro per l’84-74, Nunnaly firma un autorevole 2+1 e l’inerzia, a 1’50’’ dalla sirena, è tutta dei ragazzi di coach Sacripanti. Polonara ci prova su rimbalzo offensivo ma è troppo tardi: finisce 94-87 per i Lupi. 

 

Grissin Bon Reggio Emilia – Sidigas Avellino 87-94 (22-17, 17-27, 14-18, 34-32)

Reggio Emilia: Polonara 15, Della Valle 13, Kaukenas 12, Golubovic, Gentile 11, Silins 10

Avellino: Veikalas 21, Ragland 20, Nunnally 17, Buva 10. 

Fabrizio Fasanella