LOADING

Type to search

Beko Final 8: Dopo 20 anni la Coppa Italia torna a Milano. Battuta Avellino 73-80.

Share

PRIMO QUARTO.

A sbloccare i canestri del Mediolanum Forum è Riccardo Cervi, Milano risponde con Sanders ed è subito battaglia. Nell'azione successiva Acker è freddo al limite dei tre punti, Magro risponde con trovando solo due tre dei potenziali tre punti guadagnati sotto canestro. 

L'Olimpia prova a portarsi avanti con Sanders e Jenkins (4-10), Avellino spreca qualche pallone di troppo e regala facili occasioni a Jenkins che costringe coach Sacripanti a chiamare timeout: 4-12. 

All'uscita dal time out, Cervi commette infrazione di tre secondi, Milano fa commettere il secondo fallo a Marques Green ma nell'azione successiva perda ancora palla regalando un'occasione importante ad Avellino che però non riesce a concretizzare. Sotto canestro, da una parte e dall'altra, è lotta per tutti i giocatori in mezzo al campo ma è l'Olimpia a riuscire a trovare più  consistenza grazie ad un vantaggio fisico non indifferente.  Dopo lungo tempo la Scandone riesce a sbloccarsi con i canestri del talento Nunnally, Sanders risponde e nell'azione successiva una infrazioen di passi da ancora la possibilità a Milano di macinare punti.  

Strano ma vero Repesa butta in campo anche Bruno Cerella a sole 24 ore dall'intervento al menisco; il giovane argentino recupera subito un rimbalzo e Mc Lean riesce anche a segnare due punti che sommati agli altrettanti due di Kalnietis portano l'Olimpia avanti 8-18 a 90'' dalla fine del primo quarto. I rimbalzi in attacco sono il punto debole della Sidigas che viene più volte depredata del pallone e che chiude il quarto sotto 11-21.

SECONDO QUARTO.

Ad aprire il secondo quarto ci pensa Macvan, Avellino risponde con Ragland, ma è ancora Macvan ad avere ragione dai tre punti e segna il 14-26. Buva trova due punti nell'area, Simon viene sanzionato di un fallo tecnico, Avellino ringrazia con Green, che non sbaglia il tiro libero a disposizione, e con Buva sempre pronto sotto canestro: 19-26. L'Olimpia non si fa intimorire e con Lafayette rispedisce ancora a -10 gli irpini. Nell'azione successiva Veikalas vince il duello sotto canestro e porta sul 21-29 la sua Sidigas, Milano perde palla ed è timeout per coach Repesa. 

All'uscita dal time out Milano trova un 4-0 firmato  Cinciarini-Simmon, Avellino muove il tabellone con un 6-0 targato Nunnally (27-33), Milano rimette in campo Cerella e la gara è quanto mai emozionante.Cinciarini spara con ragione dai tre punti, Acker trova un importante 2+1 che vale il – 6 Avellino: 30-36. La gara prosegue con entrambe le squadre determinate a darsi battaglia, Milano muove il rabellone con un 2+1 di McLeanPini risponde ed è 36-41 a 19'' dalla fine del secondo quarto: time out Repesa. Secondo quarto agli atti sul 36-43. 

TERZO QUARTO.

Al rientro dagli spogliatoi è Macvan a spingere sull'accelleratore per l'Olimpia piazzando un promettente 5-0; Acker risponde ed è 38-48 dopo appenna 90″. La gara prosegue con Nunnally che muove lo score irpino con un 2/2, Acker accorcia ancora ed è 44-48 dopo appena cinque minuti. L'Olimpia si piega ma non si spezza e con Sanders trova il +7 (64-51). Simon allunga ancora Nunnally risponde, Macvan si fa trovare pronto, Avellino risponde in contropiede ancora con Nunnally che segna e subisce il fallo di Kalnietis: 48-55.

Sotto canestro la fisicità è alle stelle e Cervi regge bene l'urto contro i lunghi milanesi; l'Olimpia muove bene il pallone e con una tripla di Jenkins trova il nuovo +10: 50-60. La Sidigas non molla e con un 1/2 dalla lunetta ed un tiro nell'area di Buva torna a farsi sotto sul -7 (53-60), Milano non trova la via del canestro, Ragland è freddo dalla lunetta ed il terzo quarto scorre velocemente sul punteggio di 55-60. 

QUARTO  QUARTO.

Rakim Sanders apre l'ultimo e decisivo quarto con un 2/2 dalla luentta, Buva con un pò di fortuna riporta Avellino sotto di cinque lunghezze (57-62). Milano sbaglia in attacco, Avellino perde il pallone e Sanders può schiacciare il canestro del +7: 57-64. 

Avellino ha qualche difficoltà di troppo in attacco, l'Olimpia ne approfitta e con Sanders McLean vola sul 57-68: time out coach Sacripanti. All'uscita dal time out Buva strappa due punti sotto canestro, Milano risponde con Cinciarini Sanders e l'Olimpia vola sul 59-73. La Sidigas non riesce a trovare la via del canestro e con ancora una volta Cinciarini e McLean si porta agilmente sul 61-78: i tifosi iniziano a sognare. 

Il tempo è nemico della Scandone che con Leunen Cervi torna a farsi sotto sul -10 (68-78): time out Repesa. L'Ea7 trova i punti di McLean, Avellinon risponde con Nunnally ed il tabellone recita 71-80. 

Gli ultimi secondi della gara sono un turbinio di emozioni targate Ea7. L'Olimpia riesce a muovere bene il pallone e riporta a Milano una Coppa che mancava dal 1996 quando allora in campo c'erano Bodiroga e Nando Gentile. Finale dal Forum 74-82.