LOADING

Type to search

Beko Final 8 – coach Pancotto: “Milano non ci ha permesso di giocare”

Share

“Con la stessa emozione e lo stesso senso di conquista volevo ringraziare i miei giocatori. L’ho fatto a 5 minuti dalla fine con un timeout commemorativo, dicendo loro che hanno conquistato un posto nel cuore dei tifosi della Vanoli Basket. Questa sera Milano ci ha dimostrato cosa vuol dire essere una squadra d’Eurolega, fisica, atletica ed abituata a giocare ad alto livello. Piccola curiosità al di là degli infortuni di Vitali e Bligha: Washington era rimasto chiuso negli spogliatoi alla fine del primo tempo a causa di un problema personale. Milano vuole conquistare questo trofeo e non ci ha permesso di giocare, noi abbiamo provato ad esibire il nostro sistema difensivo, ma permettetemi di dire che l’Olimpia non ci ha fatto fare nulla. Complimenti non solo a loro ma anche a noi. Questa è la Coppa Italia ed è un contenitore in cui abbiamo trovato grandi soddisfazioni. Adesso dobbiamo toglierci le tossine di questa grande partecipazione. La finale di domani? Avellino ha appena battuto Milano in campionato e quindi, secondo me, c’è un’apertura verso il risultato. Dico però EA7 non perché gioca in casa ma perché è una grande squadra. Avellino, però, potrebbe anche fare uno scherzetto. Noi non abbiamo un budget di 20 milioni, oltretutto ci mancavano anche dei giocatori e quindi non è possibile metterci sullo stesso piano dell’Olimpia. Questo che abbiamo fatto è un balzo culturale per presentarci tra le grandi. Loro hanno vinto semplicemente perché sono più forti.