LOADING

Type to search

Bechi: “Tutti uniti per fare bene contro Milano”

Share

Alle 9,30 di questa mattina coach Luca Bechi era già pienamente operativo al PalaRuffini di Torino in preparazione dell’allenamento mattutino della squadra, che verrà ripetuto nel pomeriggio in sala pesi alla Sisport.
Volto determinato, voglia di gridare forte al mondo che il momento non è certo dei più rosei ma occorre reagire, tutti insieme e per il bene comune: “Inutile nascondersi dietro ad un dito. A me piace mettere la faccia, l’ho sempre fatto e continuerò a farlo. Il momento è difficile e le cause sono molteplici. Occorre andare oltre e reagire, con orgoglio, determinazione, spirito di squadra. Si parte dai singoli e si alimenta l’alchimia d’insieme, quella che stiamo inseguendo e cercando di creare, cosa ad oggi risultata difficile da realizzare anche perché le circostanze ci sono state avverse”.
In settimana il lavoro è stato fatto proprio in questo senso: “Tanto impegno – precisa il coach – e massima attenzione agli aspetti della difesa e dell’attacco. Nessuno si è tirato indietro e voglio sottolinearlo ancora una volta. Uniti per cercare di uscire da questo momento no. La reazione è quella che voglio vedere. I ragazzi, che difendo a spada tratta, sono desiderosi di dimostrare di saperla mettere in campo”.
Davanti all’Auxilium Cus Torino ci sarà l’EA7 Emporio Armani Milano, capolista in coabitazione e candidata prima alla vittoria tricolore. Come la descrive?: “Una formazione profonda, molto forte ed esperta, che arriverà al PalaRuffini arrabbiata per la sconfitta subita in Europa contro il Limoges. Dunque vogliosa di immediato riscatto nella massima serie del campionato italiano. Il giocatore dal quale dovremo guardarci, quasi scontato dirlo, è Alessandro Gentile, anche se le loro individualità sono tutte di assoluto livello. Sconteranno l’assenza dell’infortunato Macvan”.
Quali armi dovrete mettere in campo per contrastare la corazzata lombarda?: “Il ritmo prima di tutto, limitando i cali di concentrazione. Poi dovremo ridurre il numero di palle perse e, ovviamente, migliorare le percentuali realizzative”.
Ricordi particolari contro l’Olimpia Milano?: “Una semifinale scudetto quando allenavo a Biella, nel 2007-2008, che perdemmo 4-1 nel computo della serie ma giocando quasi tutti i confronti alla pari”.
In campo torinese saranno due gli ex del confronto, Stefano Mancinelli e Jacopo Giachetti. Per loro, dunque, un motivo in più per far bene e dare il massimo. E’ quanto tutti, indipendentemente dal risultato, chiedono ai singoli e alla squadra. Il primo a farlo è Luca Bechi. 

Fonte: Ufficio Stampa Auxilium CUS Torino