LOADING

Type to search

LBA, vittoria al cardiopalma per Brindisi: Varese battuta 95-90 all’OT

Matteo Bettoni 2 gennaio 2018
Share

Ci vuole poco a perdere la testa quando invece perdi il pallone, commetti fallo antisportivo e quindi concedi un mini parziale di 4-0 per il pareggio a 27 secondi dalla fine del match sull’82-78 e una vittoria quasi in tasca. Quella maledetta palla persa da Moore negli ultimi istanti della gara ha in realtà tenuto sul pezzo i padroni di casa e solo prolungato l’attesa di una vittoria che Brindisi ha conquistato al tempo supplementare, ma meritata sin dall’inizio: Lalanne domina in area e per la maggior parte delle volte porta a lezione Tyler Cain mettendo a segno un ottimo 6/9 dal due, 2/4 da tre e 3/4 dalla lunetta e Smith, che entrava in gara con un tutt’altro che discreto 1/6 da oltre l’arco stagionale, sigla a metà del quarto quarto le due triple che fanno volare la Happy Casa sul +12 (78-66). Varese non ha mollato, per contro, per tutta la durata del match dimostrando, seppur a sprazzi, che la difesa e la freddezza stanno diventando pian piano il marchio di fabbrica di una squadra giovane e con dell’ottimo potenziale: la rimonta che dal 34-21 porta la Openjobemtis fino al -6 è siglata dalle stoppate di Avramovic e Pelle oltre che dalle triple di Natali e i canestri di Cameron Wells. Inutile porre come esempio la palla rubata dallo stesso Wells (con 4 falli nel quarto quarto) che porta Varese sul pareggio a quota 82. Dopo 45 minuti di equilibrio, Brindisi riesce a portare a casa la terza vittoria stagioniate davanti al pubblico amico del PalaPentassuglia in un match che aveva aria di scontro per la salvezza (anche se ancora presto per giudicare): ora la Happy Casa si trova al 16° posto con 6 punti (3/10), mentre la Openjobmetis occupa la 13° posizione ferma ad 8 punti (4/9).

LALANNE DOMINA, LA DIFESA VARESINA SOFFRE

Il primo quarto di gioco è dominio dei padroni di casa: Caserta mette a segno un iniziale parziale di 11-0 grazie al 2/2 da tre Lalanne, segue Suggs da tre e poi Moore dalla media. Varese si sblocca solamente a 6′ dalla sirena grazie ai canestri di Wells e Cain, ma poi riparte il dominio di Caserta che si porta sul +10 (20-9) con un gioco da tre punti di Lalanne, Tepic e Smith. La Openjobmetis è paralizzata e segna commette solamente falli difensivi (bonus già a 4′ dall’interruzione). Wells smuove di nuovo la retina in penetrazione dopo una faticosa manovra sul perimetro (22-11) e poi Pelle accorcia a -9 con 2/2 dalla lunetta. Mesicek fa 1/2 ai liberi dopo il 7° fallo di squadra dei bianco rossi e Okoye chiude il primo quarto con due punti aperti dalla media (23-15).

VARESE RINASCE GRAZIE ALLE DIFESA, MA BRINDISI È ON FIRE

Caja prova a cambiare le carte difensive schierando la zona 1-3-1, ma a poco serve: Varese incassa un parziale di 9-0 (Lalanne, Tepic e Moore da tre e Donzelli 1/2 dai liberi) prima che Okoye (7 punti) depositi la palla nel cesto dopo una virata efficace in area. Pelle fa 0/2 dalla lunetta, Okoye sbaglia un jumper aperto dalla rimessa e Suggs segna i punti 4 e 5 della sua gara (34-17). Wells non smette di segnare (5/7) e raggiunge la doppia cifra per il -13 (34-21) che diventa -10 con la tripla di importanza capitale di Natali a 3′ dalla pausa. Arriva anche il -6 in un attimo per la Openjobmetis: grazie alla difesa (1 stoppata a testa per Pelle e Avramovic) Varese segna 4 punti con il giocatore serbo che rimettono pienamente in gara i varesini. Dopo il timeout chiamato da Vitucci, la fine della seconda frazione è tutta azzurra: 5 punti di Tepic, Lalanne torna a segnare (15 punti), Natali spara e segna la seconda bomba della gara, poi Smith fa 50% dalla lunetta, ma Pelle segna allo scadere il tap-in importante del -9 (parziale di 8-5, 42-33).

BOTTA E RISPOSTA: LALANNE E TEPIC PADRONEGGIANO, WELLS E OKOYE MORDONO LE CAVIGLIE

Varese comincia subito aggressiva e mette a segno il parziale di 4-0 (Avramovic e Ferrero) che però viene ribattuto con i punti di Moore e Lalanne per il 48-37. I ragazzi di Caja segnano un altro parziale di 13 a 4 (risalendo fino al -2, 52-50) a partire dalla tripla di Wells, Cain solissimo da sotto canestro, Okoye con una tripla con mano in faccia e una schiacciata e poi Ferrero con la tripla che lo mette definitivamente in gara. La Happy Casa rientra con la mani calde: Suggs mette due punti, Lalanne segue, risponde Wells con la seconda tripla della gara e poi Lalanne per i 21 punti. Ma Varese è ancora lì: dopo il centro di Tepic, Okoye segna da oltre l’arco grazie ad un salvataggio da terra di Cain che serve Avramovic che a sua volta scarica fuori il numero 11 della Openjobmetis. Chiude poi Mesicek dalla media (62-56).

MOORE CHE SCIOCCHEZZA, WELLS UN RAPINATORE

Natali suona la carica (3/4 da tre) da oltre l’arco, Pelle esce per 5 falli in seguito ad un tentativo di stoppata su Smith (1/6 in stagione da tre) e fa 2/3 (66-59). La Openjobmetis torna sotto sul 66-62 (-4) col gioco da tre punti di Okoye, ma fallisce il potenziale -2 nell’azione successiva. Natali sbaglia da tre, Lalanne riceve in Pick and Pop ma spara a salve, Wells va a vuoto dalla media, Caja decide di mettere ordine chiamando i suoi per il timeout. Moore fa 2/2, Okoye ribatte (70-64), Smith segna la seconda tripla stagionale e poi Mesicek firma il +11 (75-64). Natali firma un canestro acrobatico in mezzo all’area, Smith mette un’altra tripla e poi Okoye ribatte (78-68). Varese prova a riscalare la montagna Brindisi e segna altri due punti con Wells (78-70), ma la Happy Casa rimette a posto il punteggio con due liberi sull’80-70. Moore fa 10 e 11 dalla lunetta, Wells ribatte da oltre l’arco per l’82-75 e poi Okoye coglie il rimbalzo offensivo dalla tripla di Wells e fa -5 (82-77). A 22″ dalla fine, Mesicek fa uno 0/2 sanguinoso, ma ancora poi doloroso è il fallo offensivo di Lalanne su Cain che fa 1/2 (82-78). Nel finale la chiave della gara: dalla rimessa Wells, con 4 falli, ruba palla e vola verso canestro, Moore commette fallo antisportivo e l’americano firma 2/2 (82-80) precedendo il possesso a favore dei varesini. Wells sbaglia il layup in penetrazione ma Cain mette la firma sul tap in del pareggio a quota 82. Moore cerca di farsi perdonare prendendo l’ultimo tiro con 7 secondi dalla sirena, ma la palla termina sul ferro più distante. È supplementare.

8 PUNTI IN FILA E BRINDISI PORTA A CASA IL MATCH

Moore segna i primi due punti dalla lunetta, Okoye risponde per l’84-83, Smith riallunga sul +3 (86-83), Okoye ribatte per il -1 (86-85) e poi due minuti due attacchi freddi: dopo 3 errori totali da entrambe le squadre, Lalanne e Mesicek firmano il +5 (90-85). Dopo il teimout di Caja, capitan Ferrero risponde da oltre l’arco, ma a 27″ Dante Smith spegne ogni entusiasmo varesino perché mette la sigla sul 93-88 grazie al gioco da tre punti. Okoye segna buttandosi indietro (93-90), ma mancano solo 4″. Smith mette in ghiaccio la partita con 2/2 dalla lunetta e Brindisi porta a casa la terza vittoria stagionale.

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1

You Might also Like