LOADING

Type to search

L’Armani Exchange suda freddo e vince la seconda di fila: 82-83 a Vitoria

Matteo Bettoni 19 gennaio 2018
Share

L’Armani Exchange approda a Vitoria con la stessa mentalità con la quale aveva sconfitto Malaga al Forum mercoledì sera: un dominio durato 35 minuti viene scalfito solamente negli ultimi 5, ma Milano risponde presente con il fisico e con la testa e arriva la seconda vittoria consecutiva. I giocatori di Pianigiani subiscono un parziale di 9-0 subito nei primi minuti, ma riescono a ribattere con un contro parziale guidato da Theodore che permette ai milanesi di costruire il vantaggio del +3 a fine primo quarto e poi +11 a fine primo tempo grazie alla fiammata di Bertans (autore di 5 punti in fila) seguito da Curtis Jerrells per il 29-35 e lancia la prima vera spallata di Milano. Il Baskonia non molla e nel corso del secondo tempo riesce più volte ad arrivare fino al -6 col contributo di Granger (15 punti, 2/5 da due, 3/5 da tre), ma mai riesce ad andare oltre. La chiave della rimonta degli spagnoli è il fallo antisportivo col quale viene sanzionato Micov nel tentativo di recuperare palla proprio su Granger: il Baskonia segna due liberi con Granger, Timma da tre e Shengelia con la schiacciata firmano il pareggio a quota 77. Gli ultimi secondi sembrano tingere l’inerzia della gara coi colori della bandiera spagnola, ma tra la sconfitta e Milano si pone Theodore: dopo l’1/2 dalla lunetta per l’80-81 e il canestro del sorpasso di Beaubois, l’americano penetra a canestro e segna i due punti della vittoria.

BASKONIA PARTE FORTE, MA MILANO METTE LA TESTA AVANTI – L’Armani Exchange segna il primo canestro con Theodore, ma subisce un parziale di 9-0 dal Baskonia (9-2) coi punti di Beaubois (5), Poirier e Shengelia. Dopo il timeout di Pianigiani, Kuzminskas viene stoppato, ma è ancora Jordan Theodore a segnare col gioco da tre punti (9-5); i padroni di casa ribattono con un altro ex NBA Marcelinho Huertas col floater dalla media, Milano mette a segno un altro gioco da tre punti con Kuzminskas (11-8), poi gli ospiti agguantano gli spagnoli e sorpassano con due triple consecutive di Micov (11-14) e un contro parziale aperto di 9-0 per i milanesi. In uscita dal timeout, Baskonia fa 2/2 dal campo, Goudelock disegna un arcobaleno in aria e poi Thedore e il ‘Mini Mamba’ segnano le bombe del +5 (17-22); Voigtmann chiude i primi 10 minuti con il canestro del 19-22.

LE FIAMMATE DI KUZMINSKAS E BERTANS VALGONO IL +11 – Uscendo dai blocchi Jones trova il fondo della retina per il 22 pari, Gudaitis sfrutta gli assist dei compagni per attaccare l’area e fa 4 punti di qualità(22-26); una fiammata di Voigtmanm riporta i suoi sul -1 (27-28), ma anche Bertans si accende e brucia la retina con 5 punti in fila accompagnato da Jerrells per il 29-35. Vougtmann è il primo a toccare la doppia cifra, Gudaitis fa 2/2 dalla lunetta, M’baye potrebbe firmare il +8 ma la sua tripla è lunga oltre il ferro (32-37). L’Armani Exchange sbaglia un paio di tiri da sotto e paga con il canestro di Poirier e il rimorchio aggressivo di Shengelia al quale rispondono Goudelock con la bomba e poi Kuzminskas con 5 punti consecutivi dà la prima vera spallata al Baskonia (36-45) a 1 minuto dalla pausa lunga. Beaubois cerca la penetrazione ma trova la palla persa, Tarzcewski da sotto si eleva prepotentemente per il potenziale +11, ma il suo appoggio è fuori. Solo dopo l’americano trova due punti per il 36-47 prima della sirena.

MILANO C’E’ ANCHE A LIVELLO MENTALE E TIENE IL COMANDO – I polpastrelli dei padroni di casa sono caldi e si portano sotto fino al -6 coi punti di Poirier, Shengelia e Granger, ma Goudelock ridà ossigeno a Milano con la tripla in step back (46-52). Risponde Micov con la bomba, si fa sentire di nuovo Kuzminskas in lunetta con 2/2 (46-57) e poi serve il rimorchio di Tarzcewski per il +12 (47-59). Dopo i centri di Shengelia e Granger, Jerrells tiene alta la percentuale da oltre l’arco dell’Armani Exchange (10/18 da tre punti), ma Granger non molla e buca la retina di nuovo dai sette metri (54-64). L’antisportivo di Jerrells porta i padroni di casa di nuovo entro la doppia cifra (Shengelia 2/2 ai liberi), ma Janning sbaglia la tripla del possibile -5; Cinciarini entra dopo 29 minuti di gioco e ruba palla ad un Beaubois distratto, ma Gudaitis commette fallo offensivo nel pitturato, Janning si prende l’ultimo tiro del quarto ma è fuori. 56-65 alla fine della terza frazione di gioco.

BEAUBOIS SPAVENTA MILANO, THEODORE PER LA VITTORIA – Gli ultimi 10 minuti iniziano con uno 0/4 complessivo fino a quando l’ex Montepaschi Janning segna la bomba del -6 (59-65); l’inerzia della gara torna nelle mani degli ospiti quando mettono in banca un parziale di 7-0 grazie alla schiacciata in campo aperto di Bertans e 5 punti di Theodore che non segnava dal primo quarto (59-72). Il Baskonia si rifà sentire con Beaubois per il -10, Jones segna da sotto, Granger sigla il 66-72 con un regalo della difesa di Milano. Goudelock dà un’altra spallata con il suo tiro in arresto (66-74) dopo il ricciolo sulla rimessa; il Baskonia entra negli ultimi 4 minuti con un gioco da tre punti che però non si realizza e i padroni di casa non riescono ad andare oltre il -6 quando Jones sbaglia il tiro successivo e Gudaitis va in lunetta per il 68-76. Granger segna due liberi in seguito all’antisportivo di Micov deciso dagli arbitri e arriva anche il -1 coi canestri di Shengelia e la tripla di Timma (75-76). Gudaitis fa 1/2 ai liberi, Shengelia schiaccia a due mani per il pareggio (77-77) e Pianigiani è costretto a fermare il gioco a uno e mezzo dalla fine. Micov sbaglia da oltre l’arco, Gudaitis e Bertans collezionano l’extra-possesso che manda Goudelock in lunetta con 3 tiri liberi dopo il fallo di Beaubois: 77-80 a con 53 sul cronometro. Beaubois dalla rimessa spara la bomba del pareggio (80-80), Theodore fa 1/2 dai liberi, Beaubois segna di nuovo in penetrazione (82-81) e poi Theodore deposita in retina l’appoggio al vetro per il sorpasso con 0.6 da giocare (82-83). La palla di Shengelia sfiora la vittoria, Milano è salva e porta a casa la sesta vittoria della stagione per 82-83.

BASKONIA VITORIA GASTEIZ – ARMANI EXCHANGE OLIMPIA MILANO: 82-83

BASKONIA VITORIA GASTEIZ: Shengelia 17, Granger 15, Beaubois 13, Voigtmann 10;
ARMANI EXCHANGE OLIMPIA MILANO: Theodore e Goudelock 16, Gudaitis 12, Kuzminskas 10;

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1

You Might also Like