LOADING

Type to search

Coppa Italia, la caduta dei “giganti” e la ritrovata incertezza del risultato

Luigi Liguori 17 febbraio 2018
Share

Per come la vedo io, queste Final 8 di Lega A Basket sono per la prima volta interessanti. La caduta dei “giganti” regala quel senso di incertezza necessario nel mondo dello sport e, allo stesso tempo, porta a rendere un evento, troppo spesso scontato in termini di risultati, ad essere aperto ad ogni pronostico.

I LIVE MOTIVE. Torino si ritrova ad essere squadra nel momento del bisogno, sotto una guida giovane (Galbiati ndr) che forse ha riportato entusiasmo e tranquillita’ negli spogliatoi ed in societa’; Cremona nel segno di Drake Diener e Meo Sacchetti e’ l’outsider che tutti si aspettavano, capace di soffrire e risorgere in meno di sei minuti. La vera sorpresa pero’ (e scusate se sono banale) e’ Cantu’. La metamorfosi kafkiana del club brianzolo e’ un qualcosa di bellissimo da vedere dentro e fuori dal campo. In otto mesi la tranquillita’ di Sodini, unita al voler fare le cose bene e con calma senza strafare, si sono rivelate l’arma in piu’ di una Red October che sembra aver messo alla spalle lo scorso anno fatto di turbolenze e poca chiarezza.

PARTITE SECCHE. Battere Milano in una partita secca in Coppa Italia non stupisce e non deve stupire. Quello che pero’ deve stupire e l’approccio della squadra meneghina all’incontro. Perdere e’ un qualcosa che nello sport e’ inevitabile; il problema e’ sempre nel “come” si perde. Il risultato finale 87-105, con 18 punti di scarto e’ il problema. Problema che crea malumori tra i tifosi (su Twitter c’e’ gia’ l’hashtag #NOPIANIGIANI) e soprattuto getta – come ogni anno – dubbi sul progetto Olimpia, bocciato in Europa ed ancora da definire in Italia. Sia chiaro pero’ un fatto: su 7 gare la storia e’ sempre diversa.

SEMIFINALI. Il tabellone riserva scontri difficili da pronosticare: alleluja. Cremona-Torino e’ la gara che riserva piu’ dubbi con entrambe le squadre riposate dopo gli sforzi di giovedi’. Torino ha dimostrato in piu’ occasioni che puo’ essere pericolosa con tutti, Cremona dovra’ affidarsi anche alla panchina per provare a portarla a casa. Quest’anno in campionato all’andata ha trionfato la FIAT 88-80, ma erano anche altri tempi. L’altro lato del tabellone riserva ancora un derby lombardo con una RedOctober Cantu’ che vorra’ continuare ad inseguire un sogno dopo aver battuto Milano, ed una Brescia che di sicuro non e’ sazia di vittoria.

Le semifinali sono servite, buon Basket a tutti!

Luigi Liguori

Tags:
Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1