LOADING

Type to search

Andrea Diana verso la Final Eight: “A Firenze con fiducia e voglia di far bene”

Luigi Liguori 16 febbraio 2018
Share

“Andiamo a Firenze con fiducia, serenità e tanta voglia di far bene e giocarci tutte le nostre carte”. Queste le parole di Andrea Diana, coach della Germani Basket Brescia, che ai microfoni di Leonessa Channel presenta la gara dei quarti di finale della Postemobile Final Eight 2018, che venerdì sera alle ore 20.45 vedrà la Leonessa sfidare la Virtus Segafredo Bologna sul parquet del Mandela Forum di Firenze. “Ci tenevamo tanto ad essere presenti a questa manifestazione, soprattutto vista la favola che abbiamo vissuto lo scorso anno a Rimini – prosegue il coach della Germani -. Partecipare alla Final Eight per il secondo anno consecutivo è un passo importante nel processo di consolidamento del Basket Brescia a livello nazionale e ora andiamo a Firenze per giocarcela. Per avere la meglio sulla Virtus Bologna non possiamo prescindere dalla nostra capacità di difendere e aggredire gli avversari. Siamo la seconda difesa del campionato e ancora una volta dobbiamo imporre questo tipo di gioco che fino a oggi ci ha creato tantissime situazioni favorevoli e, soprattutto, tante vittorie”. “La Final Eight è una manifestazione bellissima, con partite avvincenti dal risultato mai scontato – conclude l’allenatore della Leonessa -: tutti partono alla pari, non conta quello che è stato fatto fino a oggi ma come si arriva dal punto di vista fisico, tecnico e mentale. Noi andiamo a Firenze con fiducia, serenità e tanta voglia di far bene di fronte ai nostri tifosi: abbiamo dimostrato più di una volta che quando siamo tutti uniti siamo in grado di regalare grandi soddisfazioni e, soprattutto, di fare grandi imprese”.

Fonte: Ufficio Stampa Basket Brescia Leonessa

Luigi Liguori

Figlio d'arte con una passione per la pallacanestro, il giornalismo e l'Economia (se dello Sport ancora meglio). In passato ha collaborato con la LNP, BasketNet, Basketmercato, Il Roma e SuperBasket. In televisione ha iniziato con la sua prima telecronaca su SportItalia all'età di 17 anni fino ad essere ospite fisso tra il 2014 ed il 2015 per "SiBasket" con l'amico (ed anche correlatore di laurea triennale) Matteo Gandini. Quattro Final Four di Eurolega, troppe per contarle Finali di Coppa Italia, un giorno vorrebbe anche seguire una Finals di NBA. Laureato in Triennale in Economia Aziendale e Management dello Sport, in Magistrale sia in International Business Management che in Marketing, cerca di aiutare sempre il prossimo e non ha paura di nuove sfide. Ha vissuto a Napoli, Milano e Parigi: il suo sogno? Lavorare negli Stati Uniti ... se per una franchigia di NBA ancora meglio. La sua frase preferita è "Il peccato più grande è convincersi dell'inutilità dell'onestà", Beppe Severgnini.

  • 1