LOADING

Type to search

Valencia fa l’highlander, il Baskonia la vince con Bourousis. Che succede nelle Canarie?

Share

È stato un week-end intenso quello appena trascorso in Spagna dove si sono sviluppati intrecci interessanti in campionato. Per esempio la ventiquattresima vittoria consecutiva del Valencia, tra ACB ed Eurocup, che si mantiene primo o il largo successo del Barça ai danni dell'Estudiantes o ancora l'affermazione del Baskonia nel big match contro il Real. Nelle zone più basse sono da sottolineare i successi del CAI Zaragoza, 73-84 a Sevilla, e quello del Gipuzkoa, 89-70 in casa contro il Manresa. Ora però vediamo i cinque punti più significativi di questa quattordicesima giornata di ACB.

La squadra: Valencia Basket Club. Non si fermano più. Dopo il sofferto successo a Tenerife la rosa del coach Pedro Martinez ha preso ancora più fiducia che le ha permesso di ottenere la ventiquattresima vittoria consecutiva rimanendo imbattuta tra ACB ed Eurocup. Successo, quello contro l’Unicaja, maturato nel primo tempo, conclusosi sul 46-35, in cui è emersa una caratteristica tipica di una grande squadra: quella di avere tanti giocatori capaci di risolvere un match. In questo caso l’MVP è stato San Emeterio, autore di diciassette punti, quattro assist e tre rimbalzi, abile sia nel segnare canestri che nel controllare i ritmi del secondo tempo in cui Malaga non è riuscita a colmare il distacco subito, nonostante i ventiquattro di Jamar Smith. In vista della prima sfida delle Last 32 di Eurocup, in casa contro il PAOK, i valenciani possono gustarsi questo 81-70 e la leadership del campionato con il record di quattordici vinte e zero perse.

L’MVP della giornata: Ioannis Bourousis. Lo avevamo già detto nel preview quanto sarebbe stato importante il duello contro Gustavo Ayon e l’ex Milano non ha deluso sfornando una prestazione strepitosa. Per lui ventiquattro punti, otto rimbalzi, tre palle rubate che hanno deciso l’esito del big match tra il suo Baskonia ed il Real ed hanno fruttato un clamoroso trentasette di valutazione. Partita che ha evidenziato come il premio di MVP del mese di dicembre non sia stato assegnato per caso al pivot europeo che sta trascinando i baschi nei piani alti della classifica.

La partita: Rio Natura Obradoiro-Morabanc Andorra. Una partita semplicemente incredibile. In quel di Santiago di Compostela non si sono potuti di certo lamentare considerando le grandi giocate, su tutte quella che ha deciso l’esito dell’incontro ovvero un layup rovesciato di Adam Waczynski, autore di trenta punti, che ha fissato il risultato sul 104-103 dopo un tempo supplementare. Buono l’atteggiamento dei galiziani nei primi tre quarti di gioco ma gli ospiti, guidati da uno Shermadini da ventinove punti, otto rimbalzi e trentaquattro di valutazione, rientrano e sorpassano l’Obradoiro sino ad arrivare all’85-88 a dieci secondi dal termine. In quel momento però Donnie McGrath ha preso in mano le redini dell’incontro realizzando una tripla in movimento dall’angolo che è valso il supplementare in cui, dopo un grande inizio, i padroni di casa rischiano di perdere nuovamente l’incontro, grazie a due liberi di Victor Sada, ma poi c’ha pensato Waczynski, come descritto in precedenza.

Il caso: Herbalife Gran Canaria. Nonostante il quinto posto in classifica la squadra dell’espertissimo coach Aìto non ha trovato le contromisure per avere un rendimento costante in ACB. Infatti, dopo il successo a Murcia e l’ampia vittoria contro l’Unicaja, sono arrivate due sconfitte consecutive giunte ad Andorra e in quel di Fuenlabrada. Quest’ultima risulta preoccupante poiché si è verificato un crollo fisico nell’ultimo quarto in cui i padroni di casa hanno ampliato la loro leadership dal 62-58 del trentesimo sino al 92-72 finale. Non dubitiamo sul fatto che l’ex allenatore del Barcellona e Malaga non sia in grado di trovare le giuste contromisure ma in quanto tempo le attuerà sulla squadra visto l’inizio delle Last 32 di Eurocup, in cui il Granca se la vedrà contro i francesi dello Strasburgo, gli israeliani dell’Hapoel Gerusalemme ed i russi dell’Avtodor Saratov, ed il prosieguo del campionato.

Da non perdere: è la sfida tra il Morabanc Andorra ed il Valencia Basket Club. Il match, che si svolgerà domenica 10 gennaio alle ore 19:30, è quello di cartello della quindicesima giornata di ACB e potrebbe essere proprio nel Prinicipato che l’imbattibilità dei valenciani può spezzarsi. Sara chiave la prestazione dell’ex Cantù Giorgi Shermadini, uno dei centri più in forma di tutta l’ACB, e sarà interessante vedere le contromisure tattiche del coach della capolista.