LOADING

Type to search

Il preview del big match della 14ª giornata: Laboral Kutxa Baskonia-Real Madrid

Share

Ore 18:00. L'ora della battaglia si avvicina, la prima di questo 2016 che si profila incandescente. Si sfideranno in quel di Vitoria, nei Paesi Baschi, due squadre affamate e vogliose di conquistare quel titolo ACB che in molti vogliono ma che solo una compagine riuscirà a conquistare. Sono il Laboral Kutxa Baskonia (10-3) ed il Real Madrid (11-2), impegnate nella prima grande sfida di stagione che per la classifica significa tantissimo. Da una parte i padroni di casa che cercheranno di vincere per raggiungere i blancos al terzo posto in classifica, dall'altra gli ospiti che vogliono mantenere il passo del Valencia Basket (13-0) e del Fc Barcelona Lassa (12-1) dopo la pesante sconfitta del Clasico del 27 dicembre scorso.

Probabilmente sarà una partita scoppiettante visto che si sfideranno i due migliori attacchi del campionato, visto che sono 86.1 i punti a partita realizzati dal baschi mentre sono 91.4 quelli messi a referto dai madrileni, in cui non è da escludere l'ipotesi che il match si prolungherà al supplementare. Inoltre il Real ed il Baskonia sono rispettivamente in prima e seconda piazza in altre due graduatorie che testimoniano come sarà una vera e propria guerra sotto canestro visto che le due classifiche riguardano la miglior percentuale da due punti, 59.5% per il Real e 58.0% per il Baskonia, e la maggior quantità di rimbalzi catturati, 38.3 quelli dei blancos contro i 36.5 dei baschi. Il dato che potrebbe spezzare l'equilibrio potrebbe essere quello riguardante la percuentuale da tre punti poiché il Real è la compagine più precisa dal tiro dai sei metri e settantacinque, col 41.6%, mentre il Baskonia è dodicesimo in questa particolare graduatoria poiché tira col 34.2%.

Dal punto di vista individuale i due personaggi da tenere d'occhio sono Ioannis Bourousis, primo in valutazione media in ACB con 21.2, e Gustavo Ayon, sesto con 17.1. Sarà sicuramente questo uno dei duelli più importanti per il match anche perché l'esito della sfida tra il greco ed il messicano chiarerà l'esito della sfida sotto le plance mentre negli esterni, nonostante le pesanti assenze di Rudy Fernandez e Sergio Llull, il Real può contrastare la forza del backcourt dei baschi grazie alla profondità del roster. Sicuramente Sergio Rodriguez dovrà fare una grande partita offensiva ma potrà contare sul talento di Jayce Carroll e del classe 99' Luka Doncic. Per quanto riguarda i baschi sarà importante la prestazione offensiva di Darius Adams, quarto miglior realizzatore della Liga Endesa, ma non è da sottovalutare la forza del trio Causeur-Shengheila-Hanga.

Ormai manca pochissimo a quello che si appresta ad essere uno dei match più spettacolari della stagione regolare grazie all'equilibrio che regna sovrano tra le due squadre, l'ambiente basco che potrà intimidire il talento blanco e soprattutto il match scacchistico che riguarderà i due coach Pablo Laso e Velimir Perasovic