LOADING

Type to search

Il pagellone della ACB: ecco i promossi e bocciati della settima giornata

Share

Come di consueto nel campionato più spettacolare della penisola iberica, e non solo, si sono sviluppate nuove storie da raccontare, nuove forze si sono contraddistinte in questo week-end giornata e nuove imprese sono state siglate a cominciare da quella del Valencia che ha approfittato del capitombolo del Barcelona Lassa per tornare in testa alla classifica dopo tanto tempo fino al primo successo esterno dell’Iberostar Tenerife ma ora, senza dilungarci troppo, vediamo i voti di questa settima giornata.

VOTO 10: Valencia.

Che dire, meglio di così per i ragazzi di coach Pedro Sanchez non poteva proprio andare. Ottimo il successo contro il Gipuzkoa, ottima la forma del roster, ottima la posizione in classifica. Chapeau.

VOTO 9: Real Madrid e Baskonia.

Sicuramente i due risultati più importanti della giornata sono stati colti da queste due squadre. I blancos infatti hanno battuto in trasferta la Joventud agganciando così il secondo posto che ora condiviso dal roster a disposizione di Pablo Laso, dal Barcelona e dal Baskonia, capace di battere i vice-campioni in carica. Per il titolo ci sono anche loro.

VOTO 8: Bilbao e Tenerife.

Scendendo nella parte medio-bassa della classifica, troviamo due squadre che hanno conseguito due successi esterni di vitale importanza. Per quanto riguarda Bilbao, che si è imposta 71-81 contro il Siviglia, è fondamentale per mantenere a portata di mano l’obiettivo playoff mentre per il Tenerife, che si è imposta nell’anticipo per 85-94 contro il Fuenlabrada, è prezioso per mantenersi a debita distanza dalla zona retrocessione, occupata ora dall’Estudiantes e Gipuzkoa dopo le due affermazioni consecutive ottenute dagli isolani.

VOTO 7: Gran Canaria, Obradoiro, Andorra e Manresa.

Dopo una settimana nell’angolo dei perdenti, tranne nel caso di Andorra, queste quattro società si sono rilanciate con altrettante affermazioni interne non senza faticare. Infatti Obradoiro ed Andorra hanno vinto con uno scarto minore di quattro punti, il Manresa l’ha spuntata solo negli ultimi minuti contro Murcia mentre per il Gran Canaria non sono bastati i quaranta minuti regolamentari. Per il momento solo quest’ultima sta mantenendo un rendimento interessante in vista playoff di conseguenza per le altre tre compagini gli addetti ai lavori si chiedono: dureranno i loro rispettivi momenti positivi?

VOTO 6: Joventut Badalona, Murcia, Zaragoza ed Estudiantes.

Non un bel fine settimana per queste quattro squadre che non hanno ottenuto risultati nei parquet in giro per la Spagna. Esse però hanno una cosa in comune: aver dato ai propri tifosi segnali positivi nonostante la sconfitta ricevuta. Tutte hanno lottato, contrastato i loro avversari anche quelli più ostici, come la Joventud ha fatto col Real, ma alla fine un po’ di fiducia nei loro confronti è rimasta. Certo nel caso del Saragozza e dell’Estudiantes, penultime a pari punti, la situazione sembra più tribolata ma se dovessero essere queste le aspettative ci aspetta una lotta per evitare la retrocessione incandescente.

VOTO 5: Malaga, Fuenlabrada e Sevilla.

Tre situazioni diverse di cui andremo a trattare, scenari che potrebbero diventare complicati da risolvere per le società coinvolte. A cominciare da Malaga che da contender ora rischia di mancare l’accesso ai playoff, dopo le due sconfitte consecutive in trasferta di Siviglia ed Andorra, dopo una straordinaria stagione 2014-2015. Sicuramente sarebbe un errore grossolano sottovalutare la forza degli andalusi che però dovranno dimostrarla già dall’impegno casalingo di domenica contro l’Estudiantes. Successivamente vi è il Fuenlabrada che, dopo i segnali incoraggianti espressi settimana scorsa contro il Gipuzkoa, ha perso in casa contro un avversario alla portata come l’Iberostar Tenerife. Infine c’è il Siviglia che dimostra nuovamente quanto sia incostante in questo inizio di stagione poiché, dopo l’impresa nel derby andaluso contro l’Unicaja, si è fatta trafiggere nelle proprie mura amiche contro il Bilbao.

VOTO 4: Gipuzkoa.

Sicuramente l’avversario di quest’oggi era proibitivo allo stato attuale delle cose ma dai baschi ci si aspettava almeno una prova di orgoglio. Dopo questo inizio pessimo, non hanno ancora provato la gioia del successo in questa annata, domenica si prospetta un’ottima occasione per cambiare questo trend negativo poiché ospiteranno una squadra come il Siviglia che non se la sta passando benissimo.