LOADING

Type to search

Wanamaker rilancia il Bamberg e manda il Khimki in crisi

Share

Il Brose Baskets Bamberg sembra averci preso gusto. Dopo aver rimontato al fotofinish l'Olympiacos, i tedeschi hanno sconfitto 84 a 79 il Khimki partendo nuovamente da una situazione di svantaggio.
Una vittoria, quella maturata nell'undicesimo turno di Top Sixteen di Eurolega, che lascia ancora uno spiraglio aperto per la squadra di Trinchieri in ottica quarti di finale. Spiraglio che si sta invece chiudendo per il Khmki, agganciato in classifica proprio dai rivali odierni e ormai in caduta libera dal punto di vista dei risultati.
MVP del match Bradley Wanamaker, 25 punti e decisivo nel momento finale in questo confronto partito all'insolito orario delle 22.
L'inizio appare equilibrato, con Shved dalla parte dei russi e Radosevic e Zisis dall'altra a muovere i primi passi. Augustine sfoggia il primo allungo Khimki (11-17), rattoppato quasi subito da Leon Radosevic che chiude 16-17 il primo quarto.
Wanamaker da sfoggio della sua serata magica in avvio di secondo quarto, firmando un effimero sorpasso Bamberg 18-17. Il Khmiki da, però, la sensazione di aver maggior qualità, riallungando subito con l'estro di Dragic e, ancora, Augustine (21-26). E' un tira e molla: ancora Wanamaker per il 28-30, poi Radosevic, Zisis e Strelnieks rispondono a Paul Davis mandando al riposo la gara sul 40 pari.
Dopo l'intervallo il Khimki spinge sull'acceleratore con i suoi uomini più carismatici, Shved e Monia, andando a +8 (40-48). Un parziale di 0-8 che non spaventa il Bamberg, che si aggrappa ancora a Radosevic e Zisis per rimettersi a -2 (49-51). Trinchieri si gioca la carta Daniel Theis che risulta decisivo nel nuovo aggancio (56 pari). I russi, però, nel finale di quarto sembrano sferrare il colpo del ko con un nuovo parziale di 0-8 (56-64) che sembra spingere l'inerzia verso di loro.
Il Bamberg, però, ha 7 vite e riprende la gara con un 7-0 firmato dal solito duo Radosevic-Zisis: 63-64. Non c'è sosta. Rice e Shved riallungano a +6 (63-69) Wanamaker riavvicina a -3 (68-71). Una tripla di Zisis firma il pari (71-71) e da qui inizia lo show di Bradley Wanamaker: 5 punti e 76-71. Augustine pasticcia, il playmaker di Pittsburgh del Bamberg incanta e lancia a +7 (80-73) i suoi. La mossa della disperazione del Khimki si chiama Koponen che spaventa i tedeschi ripiombando a -3 (82-79). Ma la forza nei russi è ormai è ai minimi termini, e Wanamaker (e chi se non lui…) chiude la sua serata magica con i 2 punti che fissano l'84 a 79 finale che ridà vita al Bamberg e che lancia nello sconforto il Khimki.