LOADING

Type to search

Tabak deluso dal suo Maccabi: “Essere tra Top 16 era obiettivo minimo. Mi scuso per il finale”

Share

Zan Tabak​ è parso decisamente rammaricato al termine dell'incontro tra Darussafaka Istanbul e Maccabi Tel Aviv vinto dagli israeliani ma con un distacco non bastevole per staccare il pass per il passaggio del turno. 
«Sono davvero dispiaciuto per la società, i tifosi, i giocatori e lo staff. Mi hanno chiamato al Maccabi con l'unico obiettivo di raggiungere le Top 16 e non ci siamo riusciti. Abbiamo sofferto per gli infortuni e nessuno è mai stato al meglio ma, se anche fossimo stati in salute, sarebbe stato davvero difficile vincere di 11 punti. È davvero difficile dipendere da solo un giocatore in grado di segnare da tre e l'ho sempre detto, persino al termine delle ultime due partite durante le quali abbiamo tirato benissimo da oltre l'arco. Dobbiamo sapere come segnare in modo più vario, ma non abbiamo grandi alternative all'interno del nostro roster. L'obiettivo era raggiungere il risultato desiderato, perciò nel finale abbiamo cercato di raggiungere il supplementare. Non sono molto fiero di quanto fatto stasera e non lo farò mai più».